truffa Intesa Sanpaolo ATM

Chi possiede conto corrente o carta di credito/debito/prepagata Intesa Sanpaolo va in contro ad un nuovo tentativo di truffa via email che svuota il conto e blocca i prelievi in contanti allo sportello automatico. La Polizia Postale ha individuato una nuova frode e ha lanciato l’allarme attraverso la sua piattaforma.

Il servizio di notifica dell’autorità avverte circa la presenza di un nuovo caso di raggiro perpetrato mezzo phishing e pharming. Si spinge l’utente ad accedere ad un sito web sospetto dietro la minaccia di una sospensione dei pagamenti segnalata da uno screen che riporta il nuovo messaggio fraudolento.

 

Truffa Intesa Sanpaolo: ecco il messaggio

“Gentile XXXXXX,
l’ultimo controllo di sicurezza ha concluso che il tuo account ha alcune attività insolite, pertanto abbiamo limitato alcune funzioni come (pagamenti online, trasferimenti bancari e prelievi di denaro). Effettua il login al tuo account ed esegui i semplici passaggi per ripristinare completamente le funzioni del tuo account Si prega di confermare la propria identità attraverso il nostro collegamento sicuro”truffa messaggio Intesa SanPaolo

Questo è il testo riportato nella nuova mail fraudolenta che sta facendo il giro del web. A quanto pare si viene informati del blocco dei conti correnti e delle carte collegate con IBAN. I prelievi sono sospesi fino a nuovo ordine a meno di rettificare i dati tramite un form pericoloso che si trova nella pagina indicata al link allegato. La truffa Intesa Sanpaolo è bella che servita.

Leggi anche:  Unicredit, Sanpaolo e BPM nei guai per aver svuotato i conti correnti

Leggendo il testo si intravedono chiare sgrammaticature e grossolani errori ortografici. La conferma del raggiro arriva però dal link. Esaminandolo si scopre che non appartiene all’istituto. Gli hacker lo hanno creato replicando la grafica e le funzioni nel tentativo di convincere gli utenti a compilare il questionario. Facendolo si forniscono credenziali e altri dati sensibili. Verranno usati per prelevare e fare acquisti online su siti inseriti nelle liste Dark Web.

Il nostro consiglio è quello di diffidare a priori da questi messaggi. La banca non usa il metodo mail per fornire informazioni e comunicare variazioni sui conti e le carte. Si tratta di una truffa. Qualcosa di non dissimile rispetto a quanto riportato in queste ore per gli utenti Paypal.