chromebook-chrome_os-100726893-large.3x2

Tramite un post sul blog dedicato, Google ha ufficialmente annunciato l’arrivo della versione 72 di Chrome OS nel canale stabile. Il firmware di sistema è caratterizzato dalla numerazione completa 72.0.3626.97 ed è disponibile per tutti gli utenti dopo aver terminato il periodo di beta.

Nonostante l’aggiornamento porta con se svariati bugfix e novità per la sicurezza, c’è anche una feature inedita su Chrome OS ma ormai diffusissima su Android. Si tratta di Google Assistant, l’assistente virtuale di Mountain View. La nuova versione del sistema opearativo inoltre, introduce il supporto completo ad Android Pie 9 per i device di terze parti.

Particolare attenzione è stata posta dalla nuova versione di Chrome OS verso i un convertibile 2-in-1. Durante l’utilizzo di questi device nella versione tablet, il browser web avrà controlli semplificati. In questo modo sarà più facile ed intuitivo utilizzare su Chrome i comandi touch per effettuare tutte le operazioni durante la navigazione.

Novità anche per la fruizione dei contenuti multimediali online. Ci sono novità per la modalità picture-in-picture, la funzione che permette la riproduzione dei video all’interno del browser in una finestra flottante. Questa feature è attiva di default per una maggiore comodità di utilizzo, a cui si affiancano tante opzioni per effettuare il Cast dei video.

Per quanto riguarda la sicurezza, Chrome OS 72 ha fatto un ulteriore passo in avanti. Il sistema operativo fa operare il gestore di rete “Shill” all’interno di una sandbox. In questo modo è possibile avere maggior controllo e prevenire eventuali exploit. Totalmente nuova anche la USBGuard, che previene l’accesso alle porte USB quando il dispositivo è bloccato.

Il roll-out è iniziato, ma per ricevere la notifica di update potrebbero essere necessari alcuni giorni.