whatsapp-email-lavoro

All’inizio di quest’anno, è entrata in vigore in Francia la legge che garantisce ai dipendenti il ​​”tempo libero” dalle email al di fuori dell’orario di lavoro. In pratica, i lavoratori francesi hanno ottenuto il “diritto di disconnessione“, ovvero la possibilità di ignorare i messaggi o di rispondere se arrivano dopo l’orario di lavoro o nel fine settimana. Un’idea da assorbire anche in Italia? E cosa dire dell’utilizzo di WhatsApp sempre per scopi lavorativi?

Rispondere alle e-mail e utilizzare WhatsApp per scopi professionali al di fuori dell’orario di lavoro, per alcuni, può essere considerato straordinario e quindi un tempo che deve essere pagato dall’azienda al dipendente. La legislazione obbliga ogni datore di lavoro a pagare gli straordinari per qualsiasi attività che il dipendente compie dopo l’ufficio, nel fine settimana o quando è fuori dall’ufficio. Ma, ovviamente, ci sono vantaggi e condizioni.

 

Alla fine, “non costa nulla”!

Non esiste una legge specifica che sintetizzi il comportamento e l’uso di questi strumenti da parte di dipendenti. Quindi, a quanto pare, spetta al singolo considerare se WhatsApp, e-mail e altri tipi di messaggi in determinati casi dovrebbero essere considerati come straordinari.

Questi sono mezzi informatici – come ad esempio e-mail, messaggi di testo e, più recentemente, WhatsApp e applicazioni simili come Messenger, Skype e Telegram – che, dovrebbero avere lo stesso peso del lavoro in sé. Cioè: chi è fuori dall’ufficio e usa la posta elettronica e WhatsApp per lavoro dovrebbe ricevere lo stesso stipendio di un dipendente che fa il suo lavoro in loco. Ad ogni modo, secondo alcuni esperti, questi mezzi sono visti come strumenti di lavoro che, a seconda dell’uso e dello scopo, possono essere considerati lavoro a distanza e quindi soggetti a retribuzioni straordinarie.

Questa analisi, tuttavia, è soggetta a diverse interpretazioni. Non è perché un dipendente ha usato WhatsApp fuori dal suo ufficio per organizzare una riunione o ha risposto a diverse e-mail durante il fine settimana che riceverà automaticamente gli straordinari.

Come dimostrare, dunque, che l’uso di questi strumenti è stato eccessivo? Come dimostrare che l’azienda ha bombardato il dipendente con messaggi sul cellulare? Oppure, come analizzare il caso contrario, ovvero che non fosse lo stesso dipendente ad aver esagerato?

Email e WhatsApp devono essere utilizzati come prove, ma devono essere inseriti in un contesto più ampio, coinvolgendo il lavoro diretto per diverse ore. In altre parole, il messaggio in WhatsApp deve consentire al dipendente di eseguire un’altra attività o lavoro per pochi minuti. Rispondere a un e-mail per dieci minuti non richiede il pagamento di straordinari. Ma se il datore di lavoro ha rilasciato una dichiarazione che chiede al lavoratore di lavorare su un progetto durante il fine settimana per far sollecitarne la consegna, e che richiederà un paio d’ore, il professionista deve ricevere il compenso delle ore lavorate.

In pratica, WhatsApp, e-mail e messaggi sono diventati “ulteriori elementi di prova” di un lavoro fuori dal lavoro che meriterebbe quindi la paga degli straordinari. Ma, come ogni cosa, basterebbe usare un po’ di buon senso per capire senza eccedere.