tesla

Tesla ha già iniziato a effettuare le consegne della Model 3 in Europa, ma i clienti che hanno pagato per il pacchetto di assistenza per la funzione Autopilot  non saranno in grado di utilizzarla ancora, secondo il Los Angeles Times. Il pilota automatico è attualmente disattivato perché l’azienda è in attesa di approvazione dalla RDW, l’autorità preposta ai veicoli nei Paesi Bassi.

A gennaio, Tesla ha annunciato di aver ricevuto “omologazione” in Europa per Model 3, il che significa che l’auto è stata approvata dai regolatori per essere venduta in tutta l’Unione europea. Ma un portavoce di RDW ha detto al Times che l’autopilota non faceva parte di tale approvazione, anche se la società vende il modello S e il modello X in Europa con la funziona inserita nel listino prezzi.

Un portavoce di Tesla ha detto in una dichiarazione che la società sta “progettando di attivare il pilota automatico in Europa a partire dalla prossima settimana“.Inoltre afferma che tutti i test necessari sono stati completati, ma che l’approvazione è ancora in fase di elaborazione. Intanto Tesla stava permettendo ai clienti in Europa di aggiungere l’opzione pilota automatico spendendo 6.000 dollari in più giovedì, secondo il Times.

Leggi anche:  Space-X: la certificazione per i lanci dovrà essere ri-esaminata dal Pentagono

 

La sfida di Musk in Europa

Portare questo nuovo modello in Europa e in Cina è un obiettivo importante per Tesla nel 2019. La Cina è il più grande mercato al mondo per le auto elettriche, e l’Europa sta affrontando un testa a testa con gli Stati Uniti, al secondo posto nella lista. Elon Musk ha dichiarato la scorsa settimana a tutti gli investitori che essenzialmente tutte le Model 3 prodotte in California sono già pronte e destinatei al mercato europeo o e cinese.

Inoltre, bisogna ricordare che la compagnia ha vissuto “sfide inaspettate” nel porto in Belgio dove sta inviando le auto, secondo Musk, che ha portato dei ritardi iniziali con le consegne.