tesla

Sembra che la fabbrica europea che si trova a Zeebrugge e che dovrebbe distribuire le macchine acquistate in pre-order, stia avendo dei problemi. I proprietari delle auto hanno ricevuto un invito via mail per il ritiro dei veicoli nella fabbrica di Tilburg di Tesla, nei Paesi Bassi, secondo quanto riportato da Electrek.

Tuttavia, all’arrivo in fabbrica, alcuni titolari sono stati allontanati. Tesla ha confermato a Electrek che non era in grado di consegnare il numero di veicoli previsto inizialmente, e il CEO di Tesla, Elon Musk, ha fatto notare su Twitter che la compagnia aveva affrontato “sfide inattese” nel porto belga. Non sono state fornite giustificazioni sulla natura di tali sfide.

I commenti del CEO Elon Musk

Ci scusiamo, molte sfide inaspettate ci hanno sorpreso a Zeebrugge. Le auto inizieranno a muoversi in volume domani.”
Quest il post di Elon Musk il 6 febbraio 2019 su Twitter.

Musk ha continuato dicendo che si aspettava che le macchine iniziassero a muoversi “in volume” oggi. Si prevede che un’altra spedizione di Model 3 arriverà nei porti nei prossimi giorni. A partire da gennaio 2019, si pensa che circa 14.000 veicoli siano stati preordinati in tutta Europa.

Leggi anche:  StarLink: partiti i primi 60 satelliti per avere Internet in tutto il mondo

I preordini della Model 3 sono stati aperti per la prima volta a marzo 2016 insieme al lancio iniziale della vettura, e ad aprile Tesla ha avuto fino a 325.000 preordini in tutto il mondo. Sebbene abbia effettuato le sue prime consegne negli Stati Uniti a luglio dell’anno successivo, le difficoltà di aumento della produzione nel corso del 2018 hanno impedito ai clienti europei di impostare correttamente la configurazione dei loro veicoli fino a gennaio di quest’anno.

Attualmente, i clienti europei possono ordinare solo le versioni a trazione integrale e le versione con le prestazioni più elevate, e non possoono ancora accedere al modello più economico modello a trazione posteriore disponibile negli Stati Uniti.

Musk ha precedentemente affermato che saranno necessari volumi di produzione più elevati per rendere realizzabili anche i modelli più economici dell’auto. Rendere la Model 3 ampiamente disponibile in un secondo continente è un passo importante.