instagram-contenuti-sensibili

Oltre all’intero complesso di Internet, i social network hanno reso facile l’accesso alle informazioni in generale (corrette o meno) e, sfortunatamente, ciò ha avuto molte conseguenze per le persone che hanno già subito traumi o problemi psicologici. Sono questi ultimi considerati più fragili nel gestire immagini e video di tragedie condivise freneticamente su Facebook, Instagram, WhatsApp e tante altre piattaforme.

Recentemente, la quattordicenne Molly Russel si è suicidata dopo aver visto le foto di persone che praticano l’auto-mutilazione su Instagram e Pinterest. Molly è solo un nome, ma è l’ennesimo caso di giovani che vengono toccati da immagini e video che circolano laddove non dovrebbero. Ma questo e altri casi sono stati necessari perché Instagram potesse finalmente fare qualcosa a livello globale.

 

Provvedimenti

Adam Mosseri, Product Manager per Instagram, ha dichiarato a The Telegraph che la rete sta investendo in “ingegneri e revisori esperti di contenuti” per rendere difficile la ricerca di contenuti sensibili. L’esecutivo dice che la piattaforma blocca già le immagini, gli hashtag e gli account che contengono tali contenuti e aggiunge che Instagram offrirà “un migliore supporto per le persone che pubblicano immagini che indicano che potrebbero essere vittime di auto-flagellazione o suicidio“.

Leggi anche:  Instagram: ecco i 10 profili più popolari al mondo

La questione è seria: secondo la BBC, Instagram ha dichiarato che non rimuove automaticamente i contenuti sensibili e angoscianti perché gli esperti consentono agli utenti di condividere storie con la comunità per aiutarli nel processo di recupero.

Facebook ora utilizza strumenti di intelligenza artificiale che rilevano potenziali suicidi per cercare di aiutare e portare supporto. E come società, chiunque dovrebbe fare lo stesso.