certificazione-ip

È finito gennaio, ma l’estate è ancora lontana e, con essa, le vacanze. Spiaggia, piscine e altri modi per superare le alte temperature portano la stagione a diventare la prospettiva per molti in previsione di uno stacco dal lavoro e, con il progresso della tecnologia, sono vari i dispositivi che hanno come attrazione la resistenza all’acqua.

La certificazione si chiama IP, accompagnato da alcuni numeri. Capiamo cosa significa. IP deriva da International Protection, uno standard globale che consente alle aziende e ai produttori di conversare “nella stessa lingua” della sicurezza e facilitare quindi la comprensione per gli utenti.

Queste due lettere sono sempre accompagnate da due numeri e i più comuni sono IP67 e IP68. La prima cifra è correlata al grado di protezione dalla polvere. In questo caso è 6, il che significa che i sigilli sono testati per mantenere i solidi inferiori a 1 mm di diametro interno. Il secondo numero rivela la sua resistenza all’acqua, la più preziosa caratteristica tra gli utenti. Mentre la categoria 7 parla di un telefono in grado di funzionare immerso in acqua fino a un metro di profondità, quelli contrassegnati come 8 lo fanno fino a un metro e mezzo. In entrambe le alternative ci sono fino a 30 minuti di resistenza.

Precisazione importante per tenere a mente quando si utilizzano i dispositivi è che questa certificazione permette di nuotare con essi in una piscina, sebbene la resistenza sia solo relativa all’acqua fredda e, nonostante quella alla polvere, non sono predisposti alla sabbia.

Attualmente questa certificazione è presente nella sua versione più alta (IP68) nel principale “high-end” del mercato nazionale, come Samsung Galaxy S9 e Note9; il P20 Pro e Mate 20 Pro, di Huawei; e iPhone XS e iPhone XR, di Apple.

Anche molti altri dispositivi hanno iniziato a integrare questa tecnologia. Si tratta di una funzionalità che è stata fornita agli smartphone con l’intenzione di proteggerli in diverse circostanze, dal numero di usi che hanno nella nostra vita quotidiana e dal rischio di rottura o dallo smettere di funzionare bene.

 

Cosa succede con il resto dei dispositivi?

Mentre gli smartphone sono diventati il ​​centro della vita tecnologica degli utenti, attualmente ci sono molti dispositivi che completano diversi aspetti della vita con applicazioni più limitate come orologi intelligenti o cuffie wireless.

Gli accessori non sono più solo un complemento agli smartphone, utilizzati solo per vedere l’ora e ascoltare e leggere le notifiche; ma oggi sono utilizzati per le attività quotidiane di tutte le persone, motivo per cui la tecnologia è avanzata nella direzione di renderli più resistenti e versatili e utili.

I principali smartwatch sul mercato hanno questa certificazione, principalmente per migliorare il loro utilizzo durante attività sportive come il nuoto, poiché forniscono funzioni di monitoraggio cardiaco o esercizio in generale.

Pertanto, Apple Watch, Samsung Gear Sport o Mi Band 3 di Xiaomi non solo hanno una protezione sufficiente per l’acqua, ma offrono anche un funzionamento senza problemi anche quando si immergono a 50 metri di profondità. Quindi, si nuota con tranquillità con questi dispositivi, ma ancora una volta viene reiterata la precauzione dell’acqua salata. L’acqua di mare non è consigliata per questi dispositivi.

 

Occhio alla spiaggia

La sabbia nei suoi diversi tipi fluttua tra 0,0625 e 2 mm di diametro, quindi tecnicamente sì sarebbe protetti contro la sabbia della spiaggia. Certo, l’IP riguarda i granelli di sabbia che non entrano nel telefono per interferire con le sue operazioni, ma il rischio maggiore è rivolto al mare, poiché i minerali contenuti nell’acqua degli oceani – principalmente il sale – potrebbero causare seri problemi ai dispositivi. Quindi, la raccomandazione è comunque di tenerli lontani dalle onde.

I dispositivi che potrebbero anche patire qualche problema in spiaggia sono gli altoparlanti wireless perché, anche se molti di essi hanno un qualche tipo di certificazione, altrettanti di quelli offerti dal mercato sono adatti per l’uso sotto la doccia, resistenti ad alcune gocce d’acqua e all’umidità che si genera nei bagni.

Ma la situazione cambia quando si tratta di grandi quantità d’acqua, dal momento che le loro strutture rendono molto difficile sigillarle completamente. Inoltre, ascoltare la musica sott’acqua non avrebbe effetti molto positivi sulla qualità del suono.