4G pericoloso Iliad Wind TIm Vodafone 3La rete 4G rappresenta la migliore chance per accedere ad Internet con una velocità che nemmeno il WiFi di casa è in grado di raggiungere. I nuovi limiti di banda ci consentono di accedere alla rete ed alle app senza problemi. Giocare, chattare, guadare film online in 4K non è un problema. Lo abbiamo scelto al posto del 3G ma un problema solleva parecchi dubbi in merito alla sicurezza dei network.

 

4G non sicuro: Iliad, TIM, Vodafone, Wind Tre ed MVNO allo sbaraglio

In Italia nasce e si sviluppa la nuova idea del WiFi Gratis ma la verità è che il 4G è più veloce di qualsiasi altra connessione mobile o Flat di casa che oggi possiamo avere. Lo dicono gli speed test cui si frappongono però i poco rassicuranti e nuovi resoconti sul tema sicurezza.

Stando a quanto riferito da fonti autorevoli pare che i sistemi soffrano di un bug comune a tutti gli operatori. Non c’è un sistema di filtraggio per i sistemi esterni. Cosa che porta gli hacker a sfruttare la situazione a proprio vantaggio. Questi comprano un sistema 4G online installando un’antenna hotspot munita di apposito software modificato che salva tutti i dati della rete.

Leggi anche:  4G: compromessi i dati dei clienti Tim, Wind, Tre e Vodafone

Noi siamo convinti di connetterci alla rete del nostro operatore ma in realtà siamo collegati all’antenna spia del cyber criminale. Questo può creare un database completo con le credenziali dei nostri account e tutte le informazioni personali. La nostra identità diventa pubblica e bastano pochi secondi per avere un conto bancario svuotato.

Gli operatori conoscono la situazione ma visto l’onere di spesa e di lavoro richiesto non hanno intenzione di risolvere l’errore. L’unico modo per rendersi immuni alle minacce esterne è quello di avere la certezza di collegarsi alla cella Iliad, TIM, Wind Tre, Vodafone o MVNO principale. Cosa che si ottiene restando a debita distanza dal malintenzionato.

Molto probabilmente la cosa verrà risolta soltanto con l’installazione delle nuove reti 5G. Ma al momento il problema resta e dobbiamo fare attenzione.