YouTube starebbe valutando più soluzioni attraverso le quali limitare l’uso improprio – se non addirittura l’abuso che spesso se ne fa – del pulsante Non mi piace e contrastare dunque lo spam che danneggerebbero i canali dei creatori di contenuti. Tra le alternative, YouTube starebbe anche prendendo in considerazione la rimozione di tale pulsante, vietando, in questo modo, agli utenti della piattaforma di esprimere il proprio dissenso di fronte ad un contenuto che, per un motivo o per un altro, può non piacere.

YouTube: il pulsante “Non mi piace” potrebbe non essere più disponibile

A darne la notizia è Tom Leung, Project Manager di YouTube, nel corso di un’intervista rilasciata a Creator Insider. Diverse le soluzioni che il team della piattaforma starebbe valutando al fine di combattere l’utilizzo immotivato che spesso se ne fa del pulsante Non mi piace, il cui spam potrebbe danneggiare i canali dei creatori e nuocere all’intera community. Tra le soluzioni prese in considerazione, Tom Leung ha parlato dell’implementazione di una particolare opzione che, a scelta dello stesso creatore del canale, renderebbe visibile o meno entrambi i pulsanti ‘Mi piace’ e ‘Non mi piace’. Lo stesso Project Manager, però, afferma che tale opzione potrebbe convenire da un lato, e danneggiare dall’altro, dal momento in cui l’utente, vedendo che un determinato contenuto ha raggiunto un alto numero di feedback positivi, sarebbe di conseguenza invogliato a prenderne visione.

Leggi anche:  Rilevata estensione per YouTube su Chrome che in realtà è un adware

Un’altra soluzione sarebbe quella di mantenere il pulsante ‘Non mi piace’, ma accompagnare a tale pulsante una finestra elencante i motivi per i quali il contenuto al quale è stato conferito un giudizio negativo, in effetti, non piace. Tale alternativa non solo permetterebbe al creatore del video di ricevere un feedback più dettagliato e capire cos’è che non è piaciuto agli utenti, ma permetterebbe anche a questi ultimi di riflettere sul motivo per il quale hanno deciso di cliccare su tale pulsante, e cercare dunque di limitare l’utilizzo immotivato ed impulsivo del ‘Non mi piace’.

Il team di YouTube starebbe anche valutando un’alternativa più estrema, definita dallo stesso Tom Leung essere poco democratica. Ciò riguarderebbe la rimozione totale dalla piattaforma del tasto ‘Non mi piace’, per cui gli utenti non potranno in questo modo esprimere il proprio giudizio in merito ad un particolare contenuto qualora tale giudizio dovesse essere negativo.

Insomma, diverse alternative, ognuna con i suoi pregi ed i suoi difetti. Soluzioni che, come lo stesso Tom Leung puntualizza, sono ancora in fase di discussione, e che pertanto potrebbero essere cestinate in favore di un’idea migliore e un provvedimento meno estremo.