Facebook ha pagato alcuni bambini per guardarli mentre usavano i loro dispositivi per navigare su Internet o mentre inviavano messaggi privati, stando alle ultime rilevazioni.

La società ha dato ai bambini del denaro per installare un software sui loro dispositivi, che avrebbe poi tracciato le varie attività dell’utente, con “accesso quasi illimitato”. Ciò includeva anche la localizzazione della posizione nella vita reale. Facebook ha dichiarato che il programma è stato interpretato in modo errato. Tuttavia, sta arrivando anche sulle piattaforme Apple. Il gruppo di utenti coinvolto – che comprendeva sia adulti che bambini – ha aderito dando il proprio consenso.

Facebook coinvolto in un ennesimo scandalo, stavolta ha pagato alcuni utenti tra cui bambini per tracciare le loro attività online

Per partecipare, gli utenti hanno installato un software che seguiva praticamente tutto ciò che facevano sul proprio telefono. Gli utenti sono stati reclutati attraverso pagine di registrazione che chiariscono che i dati vengono raccolti per migliorare i servizi di Facebook e che non dovrebbero raccontare alla gente del progetto. Facebook ha detto che avrebbe portato a termine il programma sui telefoni Apple. Non ha fatto una mossa simile su Android. L’azienda ha negato che fosse segreto o che venisse usato per spiare i bambini.

Leggi anche:  Come Facebook, anche Google ha violato le politiche sulla privacy dell'App Store

I fatti chiave di questo programma di ricerca di mercato vengono ignorati”, ha detto un portavoce di Facebook. “Non c’era nulla di segreto in questo; è stato letteralmente chiamata l’app di ricerca di Facebook. Non si trattava di spiare poiché tutte le persone che si sono iscritte a partecipare hanno attraversato un chiaro processo di iscrizione e sono stati pagati per partecipare. Infine, meno del 5% delle persone che hanno scelto di partecipare a questo programma di ricerca di mercato erano adolescenti, tutti con moduli di consenso dei genitori firmati”.