facebook-gestione-dati-sotto-accusa

Già oggetto di numerose indagini federali, Facebook è anche l’obiettivo delle indagini condotte a livello statale, secondo Bloomberg. I Procuratori generali del Connecticut, Illinois, Massachusetts, New York, New Jersey e Carolina del Nord sono tutti coinvolti. Gli stati in questione stanno infatti esaminando come Facebook gestisce i dati degli utenti. Le indagini sono state principalmente innescate dalla rivelazione dello scandalo di Cambridge Analytica.

Gli sforzi degli stati assumono la forma di due gruppi. La Pennsylvania e l’Illinois hanno aderito ad un gruppo lanciato dal Connecticut per esaminare le accuse esistenti fatte contro Facebook. Il rapporto studia anche la protezione delle informazioni degli utenti.

Facebook ora stringe i denti

New York, New Jersey e Massachusetts formano il secondo gruppo. Gli stati stanno esaminando qualsiasi altra potenziale violazione che non sia stata ancora resa pubblica. La Carolina del Nord fa parte di un’indagine multistato, sebbene non siano stati forniti ulteriori dettagli.

A questo punto, Facebook non è estraneo a essere indagato. Una volta che i dettagli della violazione dei dati di Cambridge Analytica sono venuti alla luce, il gigante del social networking è stato sottoposto al microscopio da un certo numero di agenzie federali.

Leggi anche:  Facebook spia tutti: un nuovo scandalo coinvolge tutti gli utenti

L’FBI, la Securities and Exchange Commission (SEC) e la Federal Trade Commission (FTC) partecipano tutte a un sondaggio del Dipartimento di Giustizia nella società e alla sua gestione delle informazioni sensibili degli utenti. Alcuni legislatori hanno chiesto un’ulteriore scrutinio per l’azienda poiché sono venute alla luce più rivelazioni di pratiche di protezione dei dati apparentemente negligenti.

Il procuratore generale del distretto di Columbia, Karl Racine, ha fatto causa a Facebook a dicembre. Ad una conferenza a Washington, Racine ha detto che si aspetta che altri stati facciano causa. Afferma che Facebook ha violato le leggi sulla protezione dei consumatori di Washington ingannando gli utenti sulla sicurezza dei loro dati. Inoltre, non è riuscita a monitorare correttamente l’uso dei dati da parte delle app.