super-bowl-nasa-tecnologia

Il Super Bowl si svolgerà questa domenica, 3 febbraio, quando due squadre si sfideranno nel più grande evento sportivo negli USA. Un’enorme mole di lavoro è dedicata al rendere possibile il Super Bowl, inclusi ampi preparativi da parte dell’emittente che copre il gioco. Ci saranno numerosi venditori e produttori dietro lo stadio. Ciò che molte persone non capiscono, però, è che anche la NASA ha contribuito al processo.

La NASA è meglio conosciuta per le sue missioni spaziali, ma negli ultimi decenni l’azienda ha anche sviluppato una serie di importanti innovazioni. Queste tecnologie sono state introdotte nella vita di tutti i giorni qui sulla Terra. Probabilmente, hai incontrato tecnologie NASA in varie situazioni senza rendertene conto, come l’ultima volta che sei stato su un aereo.

Le tecnologie NASA si troveranno sul campo

L’agenzia spaziale ha fatto di tutto per farcelo sapere, pubblicando un video che indica alcune delle sue tecnologie che possono essere trovate in una partita di calcio. I pad in schiuma protettiva vengono indossati dai giocatori per proteggere le parti sensibili del corpo, ed è stato sviluppato dalla NASA.

Leggi anche:  Netflix frenato dal Super Bowl americano, ecco i dettagli

Inoltre, la NASA afferma che alcuni dei “materiali speciali” sviluppati per le tute spaziali, utilizzate durante le missioni lunari Apollo, possono ora essere trovati negli stadi di calcio. Questo come parte del tetto retrattile sul campo. Questo è solo un esempio delle tecnologie NASA utilizzate in vari settori. Non tutte le innovazioni sono beni fisici. Il lavoro dell’agenzia spaziale comprende anche prodotti digitali.

Ad esempio, la NASA ha sviluppato un sistema di addestramento per simulatore come parte del suo lavoro di studio dei piloti. La stessa tecnologia è stata in seguito utilizzata da un’azienda privata. L’azienda ha creato un gioco di biofeedback per persone con ADHD. Inoltre, l’agenzia spaziale è ha progettato un algoritmo informatico utilizzato nel trasporto aereo. Questo aiuta i piloti a intraprendere percorsi più diretti verso destinazioni, riducendo in definitiva i costi del carburante.