apple-cina

Ci sono molti utenti Apple che si chiedono perché i prodotti dell’azienda californiana non sono fabbricati negli Stati Uniti. Anche un paio di anni fa, Donald Trump ha esortato Apple a fabbricare “gli iPhone e tutti i buoni prodotti che produce negli Stati Uniti“. Quello che Trump ignora è un fatto abbastanza concreto: quanto sarebbe complicato abbinare la Cina al volume o ai prezzi della produzione.

Se Apple fosse prodotta negli Stati Uniti, i prezzi aumenterebbero e sarebbe la fine della società tecnologica. La società di Cupertino hanno già avuto un’esperienza di produzione nel suo Paese natale e tutto l’entusiasmo è diventato un grande fallimento.

Il quotidiano The New York Times è tornato sull’argomento nel 2012 per spiegare perché i prodotti Apple sono ancora prodotti in Cina. Fu in quell’anno che Tim Cook, CEO di Apple, annunciò agli Stati Uniti che la compagnia sarebbe tornata a casa dopo essere stata via per molti anni. Cook disse che il MacBook Pro 2013 sarebbe stato il primo di molti prodotti da produrre, dopo molti anni, negli Stati Uniti.

Il progetto è stato un grosso problema per l’azienda e i ritardi in ogni fase della produzione sono diventati evidenti. Il motivo? Le viti.

 

Un problema risolvibile?

Il rapporto del quotidiano indica che da Apple hanno commissionato la fabbricazione del computer alla società chiamata Flextronics ad Austin, in Texas. Il problema è stato immediatamente presente perché l’impianto non poteva produrre e ottenere le viti necessarie per avviare l’assemblaggio dei prodotti. Hanno prodotto solo mille viti al giorno. In Cina, tuttavia, è possibile produrre grandi quantità di viti personalizzate a breve termine.

Leggi anche:  Apple sta rilasciando la nuova beta pubblica per iOs 12.3

Un altro punto che ha quasi fatto fallire il progetto è stata la forza lavoro più costosa negli Stati Uniti. Niente potrebbe essere paragonato alla produzione del gigante asiatico e alla quantità di ore lavorate quotidianamente.

Apple ha dovuto chiedere alle fabbriche cinesi di creare un gran numero di viti in poche ore. Il progetto della compagnia nordamericana è stato salvato grazie al lavoro della Cina. La grande capacità del Paese asiatico è stato elogiato proprio da Tim Cook nel 2017. “L’abilità qui è semplicemente fantastica“, ha detto il CEO di Apple appena due anni fa.

D’altra parte, Susan Helper, professore di economia presso la Case Western Reserve University di Cleveland, ha affermato che la Cina è più di una manodopera a basso costo. “È un posto in cui, poiché il governo è autoritario, è possibile riunire 100 mila persone per lavorare tutta la notte per te“, ha detto.