Le truffe online continuano a non cessare e il numero delle vittime aumenta ogni giorno di più, ritrovandosi incastrati in delle subdole truffe; numerosi clienti che hanno aperto un conto corrente con un Istituto di Credito, si sono ritrovati con il conto azzerato dall’attacco di presunti hacker. Le indagini della polizia postale sono già iniziate, prendendo in considerazione tutte le segnalazioni dei clienti Unicredit, Intesa San Paolo, BNL e Postepay.

Le truffe che hanno colpito numerosi consumatori

Le truffe di cui vi parliamo, colpiscono le vittime attraverso la via telematica: falsi messaggi su Whatsapp o false email di fatture; vi consigliamo, di prestare sempre un occhio di riguardo in più in questi casi e di stare alla larga da questi messaggi:

  • I messaggi ricevuti su WhatsApp, arrivano da hacker che con delle attrezzature apposite, riescono a scoprire l’Istituto di Credito di cui fa parte la vittima e a falsificare il nome del mittente sul messaggio; così facendo, il cliente pensa di ricevere un messaggio dal proprio istituto di Credito, ma in realtà si tratta di una vera e propria truffa.
  • Per quanto riguarda l’email, l’hacker riesce ad individuare l’email che contengono delle reali fatture da pagare e riesce a modificargli l’iban con uno falso; in questo modo, la vittima paga inconsciamente l’hacker e si ritrova con un debito nei confronti del libero professionista.
Leggi anche:  Truffe online: il phishing attacca ancora PostePay con una nuova mail fraudolenta

Come potete notare, con la tecnologia di oggi le cose che si possono fare sono innumerevoli e prestare maggiore attenzione, a volte potrebbe aiutare a non cadere in subdoli tranelli.