facebook

Facebook si è mosso per bloccare alcuni strumenti di terze parti utilizzati da organizzazioni non profit e di notizie, sebbene la società sostenga che i suoi sforzi siano volti a impedire a queste società di analizzare i dati degli utenti. L’azienda lo ha fatto inserendo un codice che impedisce l’uso di plug-in Web che automatizzano la raccolta di informazioni dal social network, secondo ProPublica, che ha guidato la segnalazione investigativa sull’acquisto di annunci politici e sulla discriminazione basata sugli annunci di Facebook.

ProPublica gestisce un database, chiamato Facebook Political Ad Collector, che visualizza informazioni su oltre 120.000 annunci politici grazie ai circa 22.000 utenti che utilizzano il plug-in personalizzato. L’organizzazione dice che il suo plugin ora non funziona più, ma il suo database rimane online e consultabile.

La società contro gli ad-blocker

Secondo ProPublica e il gruppo di attivisti britannici Who Targets Me, Facebook ha disattivato questi plug-in che raccoglievano informazioni sugli annunci politici e , utilizzando un codice JavaScript che impedisce ai computer di automatizzare il clic dell’opzione “Perché sto vedendo questo?” sotto i post sponsorizzati. Mozilla, che gestisce il browser Firefox e offre un’estensione simile, ha detto lo stesso, come confermato da ProPublica.

Leggi anche:  Facebook sta costruendo osservatori per comunicazioni laser

Rob Leathern di Facebook, vicepresidente di prodotto dell’azienda specializzato in pubblicità, afferma che il cambiamento non ha lo scopo di bloccare i giornalisti e altri gruppi non profit. Invece, Leathern ha scritto su Twitter, che la società sta cercando di impedire “l’uso improprio dei dati delle persone. I plug-in che mostrano pubblicità aggressiva possono esporre le informazioni delle persone se utilizzate in modo improprio. “Considerando lo scandalo sulla privacy dei dati di Cambridge Analytica che ha scosso la società l’anno scorso, sembra una misura ragionevole da prendere, anche se non escludere le organizzazioni non profit dal processo.”

Alex Stamos, ex chief security officer di Facebook e voce esplicita sulla privacy dei dati e sul social network in generale, ha fatto una discussione simile su Twitter, scrivendo: “Questi cambiamenti riguardano gli ad blocker, non le persone che ricercano gli abusi pubblicitari“.