Instagram

Il social network Instagram ospita alcuni ristoranti che permettono ai propri clienti di pagare il conto in base ai follower che hanno. Più precisamente la catena si chiama This is not a sushi bar, che ha intenzione di allargare il pagamento in follower.

Abbiamo già parlato tempo fa di questo servizio e ora, la catena di sushi ha deciso di allargare il proprio sistema a tutti i suoi ristoranti. Il debutto è stato a Milano in via Lazzaro Papi, ora i locali sono ben 5. Scopriamo i dettagli.

 

Instagram, pagare con i follower sarà ancora più facile con l’aumento di ristoranti

Da ieri, venerdì 25 gennaio 2019 tutti i locali della catena This is not a sushi bar permetteranno di pagare il conto in base ai propri follower. La decisione è stata presa in seguito ai post di 133 influencer che hanno mangiato nel ristorante. Pensate che tra i mille e i 50 mila follower hanno raggiunto con i loro contenuti, oltre 7 milioni su Instagram.

Leggi anche:  Facebook: moltissimi gruppi stanno diventando segreti, ecco perché

Possiamo affermare che la tattica utilizzata dalla catena, ha dato risultati molto positivi anche sugli incassi e sulle prospettiva di crescita. Il fatturato ha registrato un 13.4% in più dopo un mese, tra novembre e dicembre si è aggiunto un altro 7%. Lo scontrino medio di via Lazzaro Papi a Milano si aggira intorno ai 36 e 41 euro. Il presidente di This is not a sushi bar, Matteo Pittarello ha dichiarato: “Sono numeri che abbiamo trovato incoraggianti e che dimostrano quanto questo esperimento su nuove modalità di pagamento interattive possa trainare l’intera attività“.

La catena Milanese è nata nel 2007 solamente per consegnare cibo giapponese a domicilio. Ha sempre avuto una particolare propensione alla tecnologia e di fatti l’ha dimostrato negli ultimi mesi. L’ultimo arrivato è un software gestionale, sviluppato interamente per organizzare i punti vendita e analizzare gli ordini e dati, compresi quelli dei clienti che pagano con i propri follower.