Molti consumatori non aspettavano altro che l’arrivo di questo 2019 che porterà delle interessanti novità; soprattutto per gli amanti della tecnologia, che vedranno delle novità concrete che fino al 2018 erano solo ipotesi. Grazie allo sviluppo continuo della tecnologia, quest’anno possiamo realmente parlare di rete 5G, DVBT-2 e Sky Mobile.

Il 2019 porta Sky Mobile, la rete 5G e il DVB-T2

Sky Mobile sarà un nuovo gestore telefonico che darà filo da torcere ai gestori TimVodafoneWind3 Italia Iliad; si prospettano numerosi clienti per Sky Mobile grazie al suo marchio già conosciuto e amato da tutta Italia. Sicuramente sarà un gestore telefonico virtuale che si appoggerà alle infrastrutture di rete di Vodafone Tim e grazie alle loro numerose infrastrutture nella gran parte delle zone italiane, i suoi futuri clienti non potranno lamentare assenza di segnale o copertura. Sarà ufficialmente disponibile a Marzo e si vocifera che, renderà disponibili dei pacchetti All Inclusive molto vantaggiosi; inoltre, il gestore telefonico potrebbe attuare in Italia lo stesso servizio che già esegue in Gran Bretagna (dove è già gestore telefonico): dare la possibilità ai clienti, di crearsi una propria tariffa telefonica ed essere liberi di scegliere il numero di minuti, SMS e Gigabyte.

Leggi anche:  DVB-T2: saremo costretti a cambiare televisione?

Per quanto riguarda la rete 5G, non sarà affatto una rete economica e alla portata di qualsiasi consumatore; la causa sarebbero gli investimenti rilevanti effettuati dalle aziende TimVodafone Wind Tre che per ripagarsi dovranno lanciare prezzi al di sopra dei 35,00 Euro. Fortunatamente, ancora nulla è confermato della aziende che fino ad oggi, non si sono pronunciati in merito a prezzi e ai contenuti delle future tariffe. Inoltre, i consumatori che vorranno navigare ad una velocità mai vista prima, dovranno effettuare un ulteriore spesa che è quella dello smartphone 5G; difatti, tutti i dispositivi mobili che attualmente sono disponibili sul mercato italiano, non sono adatti e abbastanza potenti per supportare la nuova rete di quinta generazione.

Infine, parliamo del nuovo standard di digitale terrestre: il DVB-T2; al contrario della rete 5G che sarà una scelta dei consumatori se utilizzarla o meno, il DVB-T2 sarà obbligatoria per tutti i televisori. Infatti, quando l’installazione del DVB-T2 sarà finalmente terminata, ogni televisore che non sarà dotato di codec-hevc non riuscirà a prendere il segnale e sarà obsoleto. I consumatori non necessariamente dovranno acquistare un nuovo televisore ma, potranno adattarlo con un decoder adatto.