fuchsia-google-nuovo-update

All’inizio di questa settimana, l’ingegnere senior di Mac OS Bill Stevenson ha pubblicato un aggiornamento di stato sul suo profilo LinkedIn. Il post descrive come ha lasciato i suoi 14 anni di esperienza in Apple per spostarsi su Google. A quanto pare, ora sarebbe al lavoro sul prossimo sistema operativo di Google, Fuchsia.

Mentre molti ingegneri Android sono stati spostati nel progetto Fuchsia, questa è la prima persona che conosciamo che si è trasferita nel progetto da Apple. Stevenson non lascia molto all’immaginazione con il suo post su LinkedIn, anche se non menziona quale sarà il suo ruolo specifico in Google.

Il rilascio di Fuchsia OS è ancora lontano

Secondo il profilo di LinkedIn, Stevenson ha iniziato a lavorare con Apple nel 2004 come Product Release Engineer per Mac OS X. Quattro anni dopo, è stato promosso a Senior Engineering Program Manager all’interno dello stesso dipartimento. Nel 2012 è stato nuovamente promosso Senior Manager per la gestione dei programmi Mac / Windows. In tutti i suoi ruoli in Apple, Stevenson si è concentrato molto sulle integrazioni cloud all’interno di Mac OS.

Leggi anche:  Android: 10 applicazioni e giochi del Play Store gratis solo per oggi

Google ha lavorato duramente su una nuova piattaforma, soprannominata Fuchsia OS. Era quasi un dato di fatto che il sistema operativo avrebbe supportato le app Android, ma questa versione arriverà con una modifica all’Open Source Android.

È possibile che Stevenson si stia trasferendo su Fuchsia per contribuire a guidare lo sviluppo di servizi cloud. Infatti, questa funzione sarà uno degli elementi più interessanti del nuovo OS Fuchsia. Fuchsia OS è un sistema operativo progettato per essere “onnicomprensivo”. Coprirà dispositivi mobili, desktop, laptop, wearable, ecc.

Quindi, ciò significherà non avere Android per smartphone, Chrome OS per laptop, Wear OS per dispositivi indossabili, ecc. All’inizio di questo mese è stato confermato che Fuchsia eseguirà anche le app Android. L’ambizioso progetto è in sviluppo da anni ed è ancora probabilmente lontano da un rilascio pubblico. Alla fine, Google prevede di utilizzare Fuchsia al posto di Android per la maggior parte dei suoi prodotti.