Facebook

Il social network Facebook sta subendo, un’altra volta, un attacco molto duro da parte dell’amministratore delegato di Salesforce, Marc Benioff. Quest’ultimo infatti l’ha paragonato come il fumo delle sigarette, dannoso per la salute.

Il miliardario ha rivolto le sue accuse alla piattaforma, parlando con CNBC, affermando che il social network dovrebbe essere regolato dai legislatori con lo stesso vigore attualmente utilizzato per l’industria delle sigarette. Ecco i dettagli.

 

Facebook paragonato al fumo delle sigarette, dannoso per la salute

Il concetto Benioff l’ha espresso chiaramente, riprendendo anche passate accuse al social network più importante al mondo. Ecco le sue parole: “Facebook è la nuova sigarette. E’ avvincente, non va bene per te, ci sono persone che cercano di fartelo usare anche se non capisci cosa sta succedendo“. Ovviamente tutti i recenti scandali come Cambridge Analytica non hanno favorito la piattaforma.

Un’altra dichiarazione è arrivata da Jim Steyer che, parlando con il Business Insider ha affermato che si sono “enormi problemi legati alla dipendenza, all’attenzione ed alla distrazioni causati dalle piattaforme di social media. L’anno scorso è stato critico nel rapporto tra tecnologie e società“. Ha poi continuato dicendo: “il paragone con le sigarette è stato fantastico, perché la persona media lo capisce. C’è bisogno di una conversazione globale su questo tema, e ci deve essere una regolamentazione di buon senso per le aziende tecnologiche“.

Leggi anche:  Fusione Whatsapp e Facebook, Instagram: utenti a rischio?

Tanti personaggi di questo calibro, come anche McNamee, ritengono che a tutte le piattaforme come Facebook, Amazon, Google e altre, debba essere fermato questo potere che hanno. In un’intervista pubblicata sulla rivista Time ha suggerito di bloccare la condivisione dei dati tra filiali. La sua idea sarebbe quella di “costringere a dividere Instagram da Facebook e portare le aziende a concentrarsi sul core business”. E voi cosa ne pensate?