Non solo truffe telefoniche, ma in questi ultimi giorni di gennaio stanno circolando anche delle azioni illegali nei confronti delle banche Unicredit, BNL e Intesa Sanpaolo. A farne le spese sono sempre i clienti, i quali risultano essere le prime vittime di questi fenomeni.

Questa volta per colpire il maggior numero di utenti, i truffatori hanno deciso di utilizzare WhatsApp come mezzo di comunicazione. Dopo aver riscontrato diverse segnalazioni di clienti derubati via mail, sembra che la nota applicazione di messaggistica istantanea sia il punto di forza di questi malintenzionati.

Messaggio su WhatsApp per cambiare le credenziali: truffa!

Secondo le ultime indiscrezioni, diversi utenti hanno ricevuto un messaggio su WhatsApp con il quale si avvisa del blocco della propria carta di credito. In poche parole, attraversono questa semplice comunicazione i truffatori fanno credere ai clienti che la loro carta è stata sospesa. Quindi, per rimediare a questa situazione sono tenuti a modificare le credenziali del proprio conto.

Leggi anche:  Call center TIM, Vodafone, Wind e Tre sfidano i clienti con nuove truffe

Non tutti gli utenti riescono ad essere diffidenti da questa comunicazione, infatti sono tanti i risparmiatori che hanno creduto a questa vera e propria ‘truffa’. Eh si, stiamo parlando di una truffa, e all’interno del messaggio è presente un link che fa collegare l’utente ad un sito web della banca per eseguire l’operazione di sblocco. Proprio in questo dettaglio che entra nel gioco la truffa. Infatti, una volta inserite le credenziali per svolgere l’operazione richiesta dalla ‘banca’, tali informazioni vengono inviate a dei truffatori che riescono a sottrarre i soldi del conto corrente della persona coinvolta.

Il nostro consiglio è quello di non eseguire mai operazioni di questo tipo, anche perché le banche non inviano mai su WhatsApp delle comunicazioni di questo tipo. Quindi, quando si ricevono tali messaggio, bisogna essere sempre diffidenti.