play store malware Android virus smartphoneGoogle sta cercando di combattere il fenomeno hacking Play Store in tutti i modi possibili ed immaginabili. A partire da quest’anno impartisce numerose direttive per il blocco delle app pericolose. Nel frattempo si scoprono 2 malware che hanno fatto irruzione nelle app di home banking registrandone credenziali ed addirittura audio dal microfono. Queste si devono eliminare e non installare per nessuna ragione.

 

Play Store: i ladri ti entrano in casa con queste 2 app

Currency Converter e BatterySaverMobi sono le due app a cui bisogna fare attenzione. Si riporta che queste sono entrate in contatto con le app per la gestione delle proprie finanze. Hanno sottratto soldi dai conti correnti e spiato gli utenti in modi diversi. Gli utenti non si sono accorti di nulla ma Google le ha immediatamente bloccate sul tempo.

Si tratta di due app molto famose che in questi mesi hanno raccolto migliaia di recensioni positive. Tra queste un gran numero erano chiaramente fasulle. Ciò che fa la differenza tra queste app ed altre a scopo di spionaggio è che queste si sono prima accertate della presenza dell’utente tramite il sensore di movimento. Lo scopo era quello di evitare che fosse in uso una sandbox.Play Store malware Android bancaPer riuscire nel loro intento gli hacker hanno proposto finte schermate di aggiornamento per sistemi Android. L’utente ha così concesso i permessi cliccando sul pulsante usato per avere il consenso per l’installazione del finto update. Si è conosciuto così il malware Anubis che ha intercettato le attività per 377 banche in 93 Paesi Italia compresa.

Leggi anche:  Android: sabato pazzo, Google offre gratis 10 app sul Play Store

Oltre a catalogare le credenziali di accesso il malware ha localizzato la posizione esatta dell’utente inviando SMS a pagamento ed effettuando chiamate Premium. Oltre questo ha registrato l’audio ambientale dal microfono. In aggiunta a tutto questo si è visto un virus latente identificato come ransomware. Lo scopo era quello di crittografare i dati degli utenti richiedendo poi un corrispettivo in denaro per lo sblocco.

Un virus pericoloso segnalato dagli esperti di Trend Micro come altamente pericoloso.