smartphone-5g

Con la ripartizione delle vendite di telefoni cellulari in generale, i produttori si aspettano l’arrivo del 5G come un’acqua santa per aiutarli a convincere i propri clienti a rinnovare i propri terminali. Qualsiasi vendita extra nel 2019 e nel 2020 sarà fortemente contestata tra i maggiori produttori al mondo. Il Mobile World Congress di Barcellona a febbraio sarà il primo evento in questo senso.

Samsung, Xiaomi e Huawei saranno i principali campioni del 5G in questi primi mesi dell’anno. Questi produttori (numeri 1, 3 e 5 del mondo, rispettivamente, per livello di vendite) preparano le versioni dei loro telefoni cellulari con 5G in modo che gli operatori possano imballare i propri negozi con poster promozionali “succosi”. Apple non aggiungerà 5G all’iPhone fino al 2020 o, forse, al 2021.

 

Comprare uno smartphone 5G nel 2019 non ha molto senso per il cliente

I telefoni cellulari e tablet con 5G saranno i modelli più costosi e “Premium” durante il corso del 2019. Nella maggior parte dei casi, essi dovranno aggiungere nuove antenne interne e modem aggiuntivi che aumenterà il prezzo del terminale non avendo ancora i chip con built-5G, come esistono con l’attuale 4G. Gli smartphone che saranno lanciati con lo slogan “5G”, in realtà, non fanno nulla di speciale rispetto ai loro fratelli “normali”. Semplicemente, potranno essere di 100/200 euro più costosi.

La cattiva notizia è che il 5G non sarà molto utile durante i primi mesi o anni di attività. Anche la mancanza di infrastrutture adeguate è ancora esigua e una minima o nessuna serie di vantaggi per i consumatori. In altre parole, l’acquisto di un telefono cellulare con 5G nel 2019 non ha molto senso per il cliente.

Il consumatore deve stare attento perché molti operatori telefonici cercheranno di vendere alcune tecnologie “5G”, ma che già utilizziamo in 4G. I principali vantaggi del 5G non sono la velocità di download o una copertura migliore, i due fattori che contano di più per i consumatori sono una serie di caratteristiche e protocolli tecnici nelle comunicazioni tra antenne e dispositivi che permetteranno di mantenere molti più elementi collegati allo stesso tempo con meno risorse.

Leggi anche:  5G: le offerte Vodafone partono da 20 euro, pronte quelle Tim e Wind 3

Questa riduzione dei costi e del miglioramento del servizio consentirà, secondo la logica, di ridurre il costo delle tariffe che i consumatori pagano. Magari, alla fine, quando il 5G inizierà a diventare popolare con le connessioni dati illimitate per i telefoni cellulari grazie a questi miglioramenti, le cose cambieranno il loro senso.

 

Il 5G sarà ovunque: automobili, semafori, radar, telecamere di sicurezza, lampioni, ecc.

Il salto al 5G non è paragonabile a quello che abbiamo vissuto meno di dieci anni fa quando abbiamo lasciato il 3G alle spalle. Le connessioni 4G hanno aggiunto la velocità di trasferimento in modo che le videochiamate e i video in streaming fossero comuni, un obiettivo che è stato pienamente raggiunto. Il mercato dei dispositivi di connessione cellulare è aumentato molto e il 5G farà sì che quasi tutti i “pile-up” possano connettersi a Internet.

L’obiettivo del 5G è quello di offrire la connessione a qualsiasi elemento che tragga vantaggio da una connessione economica e costante a Internet: automobili, semafori, radar, telecamere di sicurezza, lampioni stradali, ecc. In questo senso, è una rivoluzione attesa e pianificata da un decennio dalle più grandi aziende tecnologiche del mondo che promette di evolversi da una società connessa come oggi ad una iperconnessoa in cui ogni piccolo elemento delle nostre case e strade è costantemente in raccolta di informazioni e coordinamento attraverso Internet.