Call Center truffa abbonamentoDiversi utenti segnalano uno sciamo di nuove truffe da parte di presunti Call Center Vodafone e TIM. I due operatori italiani non hanno nulla a che vedere con la faccenda ma i consumatori se ne accorgono troppo tardi. Si finisce con il concedere dati personali e soldi a chi se ne sta comodamente seduto dietro lo schermo di un telefono.

Call Center: attenti alle nuove truffe

Molte volte è facile risalire ai truffatori. Questo è stato il caso di 2 numeri sospetti che da Como e Torino hanno cominciato a lanciare campagne promozionali fraudolente a nome degli operatori. Altre volte, invece, non è così facile risalire alla reale identità dei nostri assalitori. Succede su Whatsapp, dove presunti incaricati Vodafone veicolano messaggi fake che rischiano di mandarci sul lastrico concedendo numerose informazioni sensibili.

Chiamano con la scusa di un aumento dovuto a opere di manutenzione sulla linea. La rete Vodafone ha necessità di essere modificata e per questo si richiede un contributo mensile di 15 € in più rispetto all’attuale costo della tariffa telefonica scelta.

Disarmati da questi aumenti consideriamo per buona la proposta che ci viene fatta in merito al passaggio verso altro operatore. Vodafone propone di passare alla concorrenza. Verosimile? Niente affatto eppure in migliaia ci cascano intimoriti dai nuovi aumenti.

Leggi anche:  Call center: la nuova “truffa del si” colpisce numerosi consumatori

Non si tratta di pure ipotesi ma questo è quanto successo ad un utente che ha postato una foto della conversazione intrattenuta con il presunto tecnico incaricato. La Polizia Postale ha reso noto lo screenshot della chat Whatsapp che lascia senza parole. Si scopre che il tecnico si dilegua lasciandoci con il conto in rosso. Ma non è tutto. Si richiede una copia digitale di carta di identità ed altro documento. Questi verranno venduti online al miglior offerente che le utilizzerà per crearsi una falsa identità a nostra nome.Truffa Vodafone Whatsapp

C’è un solo modo per essere certi di non cadere vittima di questi assalitori: contattare il proprio provider. Vi dirà che non usa Whatsapp per comunicare questo genere di modifiche. Per finire consiglia di denunciare il fatto segnalando il mittente. Avete ricevuto anche voi il medesimo messaggio? Fateci sapere.