La tecnologia di oggi, ci permette di inviare messaggi a uno o più persone in modo semplice, veloce e in alcuni casi anche gratis; anni prima, erano utilizzati gli SMS (Short Message Service) un sistema che ci permetteva di comunicare con un’altra persona, inviando brevi messaggi. Oggi, le applicazioni più scaricate sono Whtasapp e Telegram che permettono l’invio e la ricezione, solo se collegati ad una connessione Internet mentre, Dostupno che funziona gratis e senza connessione Internet.

Le origini degli SMS

Inizialmente, gli SMS erano creati per i gestori telefonici che volevano informare i propri clienti, su modifiche relative alla propria offerta; solo qualche anno dopo, si svilupparono gli SMS come mezzo di comunicazione che si rivelò, un servizio efficace e amato dai consumatori. Gli SMS durante gli anni, ha avuto diversi cambiamenti che hanno colpito maggiormente il testo:

  1. Inizialmente, si diffuso l’utilizzo del testo abbreviato; le parole non si scrivevano più per intero ma, si sviluppò una nuova “forma”. Per esempio: perché –> xké; ch –> K;
  2. Solo dopo qualche tempo, i consumatori iniziarono ad utilizzare gli emoticon che anche oggi, sono utilizzate perché danno maggiore espressione al testo del messaggio;
  3. Successivamente, si sviluppo la scrittura conosciuta come T9 (text on 9 keys); con questo metodo, la parola che si voleva scrivere si formava tramite l’ordine dei tasti premuti.
  4. Fino ad arrivare ai giorni nostri, con la tastiera QWERTY; fa parte di ogni smartphone o tablet ed è identica alla tastiera del computer, tranne per la sua dimensione.
Leggi anche:  WhatsApp: utenti terrorizzati dal ritorno a pagamento della chat

Gli SMS diventarono una vera e propria forma di comunicazione e oggi sono ancora utilizzati perché permettono una comunicazione proficua; per quale motivo? I consumatori, possono inviare o ricevere un messaggio, anche senza una connessione Internet perché necessita solamente del segnale della propria scheda telefonica. Inoltre, non è un applicazione che bisogna scaricare perché è già installata in automatico in ogni smartphone.