Il Moto G7 è stato oggetto di molti leak ultimamente. Lo smartphone è ora apparso in un benchmark su Geekbench. Il benchmark sembra rivelare alcune delle specifiche del modello Play. Nell’elenco delle specifiche tecniche si legge un chipset Snapdragon 625, che non sembra essere adatto per la versione principale o per le dimensioni Plus poichè è un chip datato.

Inoltre, abbiamo visto solide prove che puntano sul SoC Snapdragon 632 e Snapdragon 660. Forse il Vanilla Moto G7 andrà con lo SD632 mentre la variante Plus prenderà sarà alimentato dal più potente SD660. Eppure, è un bel aggiornamento rispetto al Moto G6 Play dello scorso anno con Snapdragon 430.

Il Moto G7 potrebbe essere presentato al MWC 2019

Il telefono entry level sarà eseguito ancora con Android 9.0 Pie “out of the box”. Ne sapremo di più presto, visto che probabilmente il device farà il suo debutto il mese prossimo durante un evento in Brasile. La serie Moto G di Motorola è popolare grazie al rapporto qualità-prezzo, e questo sembra destinato a salire dall’anno scorso con l’imminente Moto G7.

Leggi anche:  Galaxy S10: gravi problemi per Samsung, arriva un nuovo aggiornamento

I dettagli del Moto G7 sono in giro da settimane ormai, ma questa è la prima volta che ci imbattiamo nel marchio di riferimento di Geekbench. Come al solito, la lista ci dà un indizio delle specifiche da aspettarsi. Il benchmark non menziona la memoria, ma questa variante dovrebbe essere alleata a 32 GB di memoria interna espandibile e 3GB di RAM.

Essendo lo snapdragon 625 un chip di fascia media, i punteggi dei benchmark sono impressionanti. Il test single-core ha gestito un punteggio di 1260 e le cose sono migliorate nel test multi-core con un risultato di 4759.

Poiché si tratta di un’unità di preproduzione che funziona probabilmente su software incompleto, le cose potrebbero andare molto meglio una volta che il dispositivo sarà completamente ottimizzato. Ma i punteggi dei benchmark possono significare poco rispetto alle prestazioni reali.

Il Moto G7 dovrebbe essere svelato al MWC 2019 il mese prossimo, anche se non ci sono garanzie ufficiali.