Facebook

Il social network Facebook nell’ultimo periodo è stato sotto i riflettori a causa dei tantissimi scandali che lo hanno coinvolto, soprattutto che riguardano la privacy. Dopo questi scandali moltissimi utenti hanno deciso di abbandonare la piattaforma.

Ma altri utenti probabilmente non sono a conoscenza del fatto che la piattaforma traccia tutti i nostri interessi per uno scopo “personale”. Scopriamo insieme tutti i dettagli sulla faccenda.

 

Facebook traccia tutti i nostri interessi

A rivelarlo è il centro studi americano Pew Reserch Center, che ha pubblicato i risultati di un sondaggio effettuato su moltissimi utenti della piattaforma. Il sondaggio in questione riguardava le categorie degli annunci presenti sulla piattaforma e gli algoritmi del sito. Secondo questo studio effettuato su un campione di circa 960 utenti statunitensi di almeno 18 anni, il 74% di questi hanno dichiarato di non essere a conoscenza del fatto che la piattaforma tenga traccia dei loro interessi.

Leggi anche:  Facebook supporterà un centro di ricerca indipendente sull'IA

La piattaforma, grazie a degli algoritmi riesce a scansionare le attività degli utenti sul social. Molti di questi però non conoscono ancora il termine tracking, ovvero monitoraggio, sorprendendosi successivamente che potesse esistere. La maggior parte degli utenti accettano le condizioni che pone la piattaforma senza sapere in realtà quello a cui stanno andando incontro.

Gli utenti che non sapessero dell’esistenza di questo tracking, possono recarsi in un apposito menù delle impostazioni per visualizzare e gestire gli annunci sulla piattaforma. L’88% degli utenti che hanno preso parte al sondaggio, dopo essersi recati in questa pagina hanno scoperto che Facebook aveva generato in automatico preferenze secondo il proprio algoritmo, in linea con gli interessi degli utenti.