dvb-t2

A partire dall’anno prossimo l’Italia verrà invasa da due grandi novità, in particolare da due nuovi standard. Uno è molto chiacchierato ed è il 5G, il secondo, invece, riguarda il digitale terrestre ed è denominato DVB T2. Creato per liberare le frequenze necessarie per le reti pioniere, il nuovo standard per la televisione non apporterà grandi cambiamenti, ma sicuramente permetterà agli utenti di vedere nascere nuovi canali.

Vedere la Rai e Mediaset sarà semplice come lo è oggi, ma per poter continuare questa visione dovrà essere eseguita una semplice operazione. Se vi state chiedendo se sarà necessario acquistare un nuovo televisore, la risposta ve la diamo subito ed è no. Se però volete approfittarne, vi ricordiamo che Samsung offre un rimborso spese di 500 euro. 

DVB T2: cosa dovranno fare le famiglie italiane per continuare a guardare il digitale terrestre

Al fine di poter continuare a godersi i canali della tv, non bisognerà fare altro che:

  1. se si è in possesso di un televisore acquistato recentemente, verificare il supporto al suo più recente codec ed eventualmente aggiornalo quando sarà il momento;
  2. se non si è in possesso di un televisore di ultima generazione vi sono due possibilità:
    1. acquistare un nuovo televisore ed effettuare un upgrade;
    2. comprare un semplice decoder che verrà appoggiato sul mobiletto, così come quando si è passato dall’analogico al digitale terrestre.
Leggi anche:  DVB T2 favorirà il 5G costringendo tutti a cambiare TV o Decoder

Vi ricordiamo che il passaggio al nuovo standard inizierà a partire dal 2020 e che per l’acquisto di un nuovo decoder lo Stato dovrebbe garantire un rimborso spese di circa 25 euro a famiglia.