crapware

Quando si acquista un nuovo telefono, computer o tablet, la cosa più comune con cui si ha che fare è che alcune applicazioni e programmi siano già preinstallati. Questo è ciò che è noto come “software di fabbrica” , “crapware” o “junkware”(software spazzatura), poiché di solito è poco utile e occupa spesso uno spazio che è possibile utilizzare per altri elementi.

Si tratta di programmi molto vari, dai browser Web ai social network, audiolibri o applicazioni per modificare la musica. La maggior parte di questo tipo di software ha una data di scadenza e consiste in versioni di prova di diversi giorni o settimane.

Tuttavia, un’altra parte del “crapware” rimane sul tuo dispositivo per sempre (e senza il tuo permesso). Il problema è che spesso comporta un inutile dispendio di dati e memoria. O, semplicemente, non li si vuole avere sul proprio smartphone.

Ecco perché molti utenti di Samsung non hanno gradito che, recentemente, si è appreso che l’applicazione Facebook è installata di default su diversi modelli della marca.La pratica, tuttavia, è diffusa tra i produttori di dispositivi mobili.

Leggi anche:  Android: le migliori app per trovare offerte, volantini e fare la spesa

 

Ti stanno mentendo

Ad esempio, molti marchi che utilizzano Android e desiderano includere servizi Google si impegnano a inserire una serie di applicazioni per impostazione predefinita. “Se si chiede il motivo per cui i produttori installano queste cose, vi si dirà si che lo fanno perché stanno offrendo un valore“, ha scritto sul suo blog di tecnologia il giornalista Adrian Kingsley-Hughes. “Lo fanno perché le aziende li pagano per questo“.

Kingsley-Hughes sostiene che l’unica eccezione a questo fenomeno è che “i produttori di hardware sono felici di installare le applicazioni spazzatura nei loro nuovi dispositivi per pochi dollari“.