Apple AirPower

Il più grande mistero legato ad Apple è sicuramente l’arrivo della base per la ricarica wireless, AirPower, annunciata nel settembre 2017 ma mai vista arrivare sul mercato.

Si tratta di un accessorio in grado di ricaricare più dispositivi contemporaneamente, molto atteso da tutti gli utenti che posseggono un dispositivo compatibile. Scopriamo i dettagli delle ultime ore.

 

Apple ha avviato la produzione di AirPower

Prima di tutto vogliamo sottolineare che l’azienda di Cupertino non è mai stata chiara sull’argomento, ma le ultime indiscrezioni non lascerebbero alcun dubbio. In seguito a moltissimi indizi rilasciati dall’azienda ma un grande ritardo rispetto alla tabella di marcia, quest’ultima ha deciso di eliminare dal proprio sito qualsiasi riferimento alla base di ricarica wireless.

Nelle guide dei più recenti iPhone rilasciati, i riferimenti ad AirPower ci sono eccome, questo fa pensare che l’azienda si trova in uno stato di totale confusione. Sicuramente la confusione è anche dettata dai problemi riscontrati in fase di produzione ma nelle ultime ore il sito di Hong Kong ChargerLAB ha fatto un po’ di chiarezza. Attraverso due tweet il sito ha confermato che la produzione di AirPower è iniziata negli stabilimenti di Luxshare Precision, partner di Apple per la produzione di AirPods e cavi USB-C.

Leggi anche:  Apple si sta preparando per il lancio del nuovo iPad mini 5

Al momento non possiamo ancora verificare l’attendibilità delle fonti, ma possiamo sperare che, dopo due anni di attesa, potrebbe essere finalmente arrivato il momento di toccare con mano AirPower. Insieme alla base di ricarica wireless, l’azienda annunciò anche AirPods 2, con supporto di ricarica ad induzione. Non possiamo far altro che sperare che i due dispositivi tanto attesi vengano lanciati insieme nei prossimi mesi ma per scoprirlo non ci resta che attendere.