Il 27enne artista tedesco Max Siedentopf continua a far parlare di sé e delle sue opere. Questa volta siamo in Africa, precisamente nel deserto della Namibia. È proprio qui che l’artista, in una zona remota del deserto sconosciuta a tutti, ha installato una delle sue nuove opere riguardante la famosa canzone “Africa” dei Toto. Ecco i dettagli dell’opera di seguito.

La canzone persa nel deserto

TOTO nel 1982

La canzone “Africa”, disco di platino 4 volte, fa la sua prima comparsa nel lontano 1982 ed è contenuta nell’album “Toto IV”. Scritta dal tastierista David Paich e dal batterista Jeff Porcaro, ha dominato le classifiche degli anni ’80 per diversi mesi. Di recente è diventata un icona del pop affermandosi come il pezzo più ascoltato nel 2017. 

È forse per questo che Max Siedentopf ha deciso di montare nel deserto della Namibia un’installazione sonora che consiste in 6 speaker collegati a un lettore mp3 il quale ha al suo interno ha una sola canzone: “Africa” dei Toto. Il lettore è collegato a delle batterie solari che dovrebbero fornire la carica necessaria per riprodurre in loop la canzone per il resto degli anni a venire. Inoltre Max ha poi affermato: “Il deserto della Namibia, che coi i suoi 55 milioni di anni è il più antico al mondo, mi è sembrato il posto perfetto”.

L’unica accortezza presa dall’artista è stata quella di mantenere il luogo dove si trova l’opera segreto, in modo tale da evitare che qualcuno potesse danneggiarla o derubarla. Sul suo blog personale è possibile trovare una mappa in cui un cerchio rosso che ritrae una posizione approssimativa.

Peccato però che il cerchio in questione è posizionato sopra l’intero deserto della Namibia! Chissà se un giorno qualcuno riuscirà a trovarla.