L’Internet of Things promette di collegare miliardi di dispositivi ordinari a Internet, ma quando ognuno ha bisogno di avere la propria batteria, c’è un limite a quanto piccoli o economici essi possano diventare. Un nuovo chip Bluetooth sottilissimo, in grado di funzionare interamente senza una batteria, potrebbe risolvere il problema.

Il chip è prodotto da Wiliot ed ha le dimensioni di un francobollo. È in grado di raccogliere energia dalle frequenze radio ambientali intorno a noi, come Wi-Fi, Bluetooth e segnali cellulari, e usarli per alimentare un processore ARM dotato di Bluetooth. Esso può essere collegato a un varietà di sensori.

Il chip Bluetooth di Wiliot offre molte potenzialità

Wiliot afferma che la dimensione del chip Bluetooth, combinata con la mancanza di qualsiasi batteria, significa che il chip può essere prodotto a basso costo e montato praticamente su qualsiasi cosa.

L’azienda offre diversi potenziali opzioni di utilizzo per la tecnologia. Ad esempio, potrebbe essere incorporato in prodotti di consumo per fornire un facile accesso a un manuale digitale quando la versione cartacea originale è persa da tempo. Magari potrebbe essere inserita in un’etichetta di abbigliamento e utilizzata per comunicare le impostazioni ottimali a una lavatrice smart.

Leggi anche:  Arduino, le nuove schede Nano sono più potenti ed economiche

Tuttavia, il fatto che possa anche essere combinato con sensori solleva possibilità più interessanti. Oltre a tracciare gli articoli, un sensore di temperatura potrebbe anche segnalare quando gli articoli diventano troppo caldi o troppo freddi. Altrove, un sensore di pressione potrebbe rilevare quando un contenitore di cibo è vuoto e ordinare automaticamente una sostituzione.

Wiliot ha ricevuto recentemente una finanziamento da $ 30 milioni, ma ora la società conta su Amazon e Samsung come investitori. C’è da sottolineare che ci vorrà ancora un altro anno prima che i suoi sensori siano ampiamente disponibili. Wiliot dice che spera di offrirli come parte di una versione limitata nel 2019 prima di renderli poi ampiamente disponibili nel 2020.