Amazon potrebbe optare di diventare un operatore di telefonia mobile in un futuro vicino, iniziando così ad offrire offerte in 4G e abbonamenti particolari. Dopo le notizie riguardanti Sky Mobile e Google Fi, non è difficile immaginare il colosso dell’e-commerce mondiale entrare in questa nuova fascia di mercato.

Un’eventuale entrata di Amazon in questa frazione porterebbe la telefonia mobile ad una sfaccettatura ancora più ampia dell’attuale, ma dobbiamo ricordare che se così fosse, l’approccio adottato si manifesterebbe come un operatore virtuale MVNO, conducendo l’azienda ad adottare una linea tradizionale.

Cosa succederebbe se Amazon diventasse un operatore virtuale

Secondo Decision Technology, una società di consulenza, Amazon potrebbe lanciarsi in questa presa senza alcun pericolo. Prendendo in esempio il mercato nel Regno Unito, sappiamo che le quote valgono il 25% dell’intero e grazie ad un sondaggio possiamo affermare che oltre il 12% dei consumatori passerebbe ad un eventuale Amazon Mobile senza tentennare. Nell’ipotesi in cui all’offerta telefonica verrebbe aggiunto il servizio Prime, la percentuale di richiedenti sfiorerebbe il 25%.
Ipotizzando uno scenario simile in Italia, sicuramente TIM, Wind Tre, Vodafone, Iliad e gli altri operatori virtuali sarebbero costretti a trovare funzionali escamotage per contrastare il colosso.
Henry Stott, il direttore della Decision Technology, ha confermato i risultati dei dati DecTech commentando che: “sono risultati impressionanti che mostrano che il colosso potrebbe benissimo diventare un colosso di dimensioni ancora maggiori se entrasse sul mercato mobile offrendo Prime come beneficio senza costi aggiuntivi”.
Se così fosse, quanti di voi opterebbero per questa versione di Amazon in operatore virtuale?