5g tim wind tre vodafone iliadIl 5G sta per arrivare nelle nostre vite ma oltre alle varie innovazioni che porterà nel corso dei prossimi anni potrebbe portare ad un nuovo innalzamento delle tariffe telefoniche da parte di Tim, Iliad, Wind, Tre e Vodafone.

Con l’arrivo di Iliad in Italia, le compagnie telefoniche hanno deciso di abbassare in modo drastico tutte le tariffe telefoniche in modo da contrastare la fuga dei propri clienti verso l’operatore francese ma proprio questo abbassamento sarebbe stato studiato in precedenza in vista dell’arrivo del 5G in Italia.

Una volta integrata la nuova tecnologia che per la prima volta vedrà la luce grazie al Samsung Galaxy S10 sarà necessario per tutti i clienti pagare un abbonamento aggiuntivo sulla propria tariffa proprio come è già accaduto in passato con Tre Italia che tutt’oggi fa pagare alcuni clienti per sfruttare il 4G.

5G: le tariffe ritorneranno ad essere molto care

La media che si prospetta per avere il 5G sarà di circa 2 euro al mese e calcolando l’attuale offerta di Iliad pari a 7,99 euro al mese per minuti illimitati, SMS illimitati e 50 Giga si passerà a ben 9,99 euro facendo tornare in auge le vecchie tariffe che oscillavano tra i 10 e i 15 euro al mese. Logicamente i Giga sono aumentati rispetto agli anni passati ma possiamo anche valutare che con il 5G potrebbe arrivare internet illimitato per tutti. Negli ultimi giorni si sta parlando anche di tariffe superiori ai 30 euro per avere il 5G sul proprio device.

Leggi anche:  Wind attacca Iliad: ecco l'offerta speciale di settembre con ben 60 Giga

Stesso discorso per Tim, Wind, Tre e Vodafone che applicheranno un aggiunta sul costo mensile delle offerte per permettere ai clienti di sfruttare tale tecnologia. Gli stessi operatori telefonici si starebbero muovendo per creare delle tariffe ad hoc per utilizzare il 5G e quindi i clienti potrebbero essere costretti a cambiare il proprio piano tariffario.

Diciamo che il 5G sarà la “scusa” di Tim, Wind, Tre, Vodafone e Iliad per aumentare nuovamente le offerte e recuperare i soldi spesi durante l’asta delle frequenze. Una mossa che porterà più soldi nelle casse degli operatori e svuoterà il portafoglio dei clienti senza contare l’enorme spesa per acquistare un nuovo device compatibile con il 5G.