DVBT2 decoder gratisNasce il DVBT2 che arriva in tutte le case degli italiani a partire dal 2020. Per il momento è solo un’opzione del Digitale Terrestre ma presto diventerà esclusivo a tutti gli effetti. Non ci sarà altro modo di guardare i canali digitali se non quello di provvedere ad acquistare decoder o TV. La spesa potrebbe essere importante per molti di noi. Ecco come scoprire se sarà effettivamente così.

 

DVBT2: quanto dovrò spendere per guardare il Digitale Terrestre?

Si sente spesso parlare di questo fatidico Digitale Terrestre 2. Si tratta di una nuova piattaforma pubblica per la visione dei canali RAI, Mediaset e di tutte le altre emittenti nazionali. Rispetto all’attuale standard ci sono dei cambiamenti tecnici ed operativi. Si passa dalla definizione Standard all’alta definizione su tutta la linea. Non è detto che per poter vedere i canali si debba acquistare per forza una TV Full HD o 4K ma questa è necessaria per uno stream al massimo delle potenzialità.

Chi ha un televisore non HD che non integra il decoder DVBT2 può pensare di ammortizzare la spesa eccessiva dovuta al cambio TV con un semplice sistema di trasmissione esterno il cui costo non supera generalmente i 40€. Lo Stato conta di venire in contro alle esigenze di tutti e sta per proporre un bonus famiglia di 25€ per fornire i decoder DVBT2 gratis.

Leggi anche:  DVB T2: arrivano 25 euro in regalo per comprare una TV anche su Amazon

Chi sceglierà di cambiare TV deve sapere che la spesa sarà più importante rispetto al semplice decoder ma che questa integrerà già nativamente il supporto allo standard senza necessità di acquistare un componente separato.

Tutte le TV prodotte da un triennio a questa parte offrono già il supporto integrato. Verificare la compatibilità è semplice. Basta sintonizzarsi su un qualsiasi canale HD (esempio: Italia 1 HD al 506) e assicurarsi che il programma in corso sia visibile. Se è così allora significa che non sarà necessario comprare il decoder. Il nostro TV è già in grado di ricevere tutti i canali presenti e futuri in alta definizione.

Lato tecnico il cambiamento è dettato dal 5G e dal nuovo codec usato per la trasmissione dei canali HD.