Sky Mobile

Sky Mobile sarà realtà presto, e potrebbe fare il suo ingresso nel mercato italiano entro questa primavera. Voci di corridoio sostengono che la sua prima proposta contrattuale sarà composta da minuti e SMS illimitati con 50 Giga in 4G a meno di 10 euro al mese. Ma l’operatore potrebbe non fermarsi qui, soprattutto se ci saranno pacchetti con soluzioni all-inclusive che coinvolgano anche i clienti Sky TV.

Nel Regno Unito Sky è riuscita a conquistare i clienti proprio offrendo loro linea fissa e mobile abbinate all’abbonamento Sky TV. In questo modo ha proposto pacchetti tutto-incluso con la possibilità di acquistare un tablet o uno smartphone a prezzo scontato. In Italia avrà un profilo di operatore virtuale e si appoggerà alle reti di Vodafone e TIM. Il nuovo operatore avrà dunque a disposizione un bacino d’utenza molto ampio grazie a una copertura capillare del segnale sul territorio.

Per le offerte di telefonia fissa, Sky ha già siglato accordi con Open Fiber per il lancio delle prime promozioni con fibra ottica, con le quali i clienti Sky Mobile potranno navigare alla più alta velocità disponibile.

Leggi anche:  Nuovi aggiornamenti sulla rete 5G, sul DVBT2 e sulle tariffe del nuovo gestore Sky Mobile

 

Sky Mobile: una strategia diversa dal Regno Unito?

Detto che Sky Mobile debutterà presto sul mercato italiano con un’offerta da meno di 10 euro e possibili pacchetti all-inclusive, non è detto che il player internazionale si comporti alla stessa maniera vista nel Regno Unito. Quelle avanzate in precedenza sono solamente supposizioni sulla base della struttura di Sky Mobile UK, pertanto il colosso potrebbe presentare in Italia una strategia completamente diversa di quella composta da pacchetti all-inclusive per rete fissa, mobile e TV.

Le tariffe inglesi prevedono chiamate e SMS illimitati con un prezzo massimo di 20 sterline per 15 GB di traffico dati. In Gran Bretagna, tuttavia, Sky Mobile è già al lavoro per testare nuove soluzioni volte al lancio della rete 5G, per cui non sarebbe peregrino supporre che anche in Italia Sky Mobile possa partecipare allo sviluppo di reti di quinta generazione.