SkyA partire dal 2018, tutti gli utenti che desiderano attivare un abbonamento con Sky non saranno più costretti ad installare una parabola satellitare sul proprio tetto o ricevere il decoder ufficiale da collegare alla televisione. Con la primavera dello scorso anno è stato proposto un contratto direttamente sul digitale terrestre, ovvero lo stesso mezzo di trasmissione con il quale riceviamo la TV in chiaro.

L’utente ha oggi la possibilità di accedere a buona parte dei canali aziendali, semplicemente ricevendo a casa la smart card da inserire nel televisore e basta. Coloro che opteranno per questa tipologia di contratto non saranno costretti ad attendere l’intervento del tecnico o procedere con le costose pratiche di installazione della parabola satellitare. Dopo aver presentato la richiesta sul sito ufficiale, ed aver corrisposto il costo iniziale di 39 euro, verrà inviata la smart card presso la propria abitazione, in pochissimi minuti si otterrà l’accesso diretto ai canali di Sky.

Leggi anche:  Sky Mobile: le offerte in 4G spaventano gli operatori, ma si punta anche al 5G

 

Sky: ottimo prezzo per l’abbonamento sul digitale terrestre

Il prezzo del momento è di 29,90 euro al mese per i primi 12 rinnovi (poi passerà a circa 44,90 euro), all’interno dell’abbonamento sono inclusi i pacchetti TV (con anche gli 8 canali di Mediaset Premium), Sport e Calcio (con 2 canali di Sky a pacchetto).

E’ importante sottolineare che il quantitativo di contenuti sarà effettivamente limitato, rispetto ad un normale contratto satellitare. I canali accessibili non sono la totalità dell’offerta di Sky, come non sono inclusi nemmeno i servizi aggiuntivi, del calibro di Sky Q o MySky.

A partire dal mese di dicembre 2018 è invece possibile sfruttare l’applicazione Sky Go, utile proprio per accedere ai contenuti effettivamente pagati anche da mobile da applicazione dedicata tramite connessione internet.