Phishing, cinque consigli per difendersi

Strane email stanno comparendo sulle caselle postali di diversi utenti: molto semplici e frivole, queste ultime stanno destando scalpore… ovvio che la truffa sia subito riconoscibile, ma nonostante tutto qualcuno sembra esserci cascato.
Oramai i criminali del web non sanno più che inventarsi: passano dai tentativi di phishing, vishing a queste email così elementari, ma che dire: se continuano è perché funzionano… forse.

tentativi di truffe un po’ confusi: cosa cercano di dire queste email?

A denunciare il fattaccio è accorsa la Polizia Postale, la quale con un bel post Facebook ha scaturito l’ilarità degli utenti, i quali si sono meravigliati in prima persona del tentativo blando di fronde.

Anno nuovo truffe vecchie. Diffidate. #essercisempre

Posted by Commissariato di PS Online – Italia on Sunday, January 6, 2019

Come evince dalla foto, il mittente di queste truffe annuncia ai suoi lettori un messaggio un po’ distorto: non sa neanche lui se parlare di lavoro o di un bonifico accreditato sul conto corrente. Insomma, con un po’ di confusione annuncia che più di 10 mila euro sono stati depositati e che questi possono essere prelevati sempre e senza ritardi.
Come potete vedere, inoltre, l’email di conclude con un vero e proprio tutorial: “Guarda qui come fare” annuncia il collegamento ipertestuale: che classe! E’ vano sottolineare il fatto che il link sia falso e che non faccia altro che riportare a vari falsi portali delle home banking di Unicredit, Intesa e BNL.
Questi istituti bancari non  hanno nulla da temere: grazie ai loro livelli di sicurezza sono pressoché impenetrabili, ma prestare attenzione non nuoce mai. A tal fine vi invitiamo a eliminare tali messaggi, segnalarli come spam e a bloccare i mittenti per non essere più contattati.