Iliad continua ad imporsi come valida alternativa ai tradizionali operatori telefonici in Italia offrendo ai suoi clienti pacchetti all-inclusive a prezzi competitivi. A chi si chiede se il gestore francese arriverà mai ad operare anche nell’ambito della telefonia fissa, Benedetto Levi, amministratore delegato di Iliad Italia, risponde di no. O meglio, si preferisce, almeno per il momento, mantenere la concentrazione sul settore mobile ed investire sulle reti di quinta generazione, nonché portare a termine il progetto tanto ambito da Iliad per quanto riguarda la creazione di una rete proprietaria.

Iliad: l’operatore non arriverà su linea fissa, ma punta al 5G ed alla rete proprietaria

A dichiararlo è stato lo stesso Amministratore Delegato di Iliad Italia, Benedetto Levi, in un’intervista recentemente rilasciata al quotidiano Affari & Finanza: nonostante le numerose richieste dei clienti, Iliad non opererà, almeno per il momento, nel settore della telefonia fissa. Si pensa, piuttosto, a migliorare il mercato mobile con l’introduzione di nuove offerte, e soprattutto attraverso la creazione di una rete proprietaria grazie alla quale garantire una più alta velocità di connessione ed una esperienza di navigazione più appagante.

Leggi anche:  Iliad prova ancora a battere Vodafone e TIM: ecco il confronto diretto

Un progetto, questo, sul quale la società ha investito circa un miliardo di euro. Come ben si sa, infatti, Iliad utilizza per ora il roaming su rete Wind e Tre, ma ha nel corso di questi mesi stretto numerosi accordi con diverse tower companies ed iniziato a costruire ulteriori antenne su tutto il territorio italiano, e poter in questo modo arrivare a costruire una infrastruttura di rete proprietaria.

Ed è proprio grazie alla creazione della rete proprietaria che Iliad potrà finalmente operare anche nel settore del 5G, e mettersi al passo con il lavoro già svolto dai principali players che operano nell’ambito delle telecomunicazioni, come Tim e Vodafone. Settore, tra l’altro, su cui si inizierà a lavorare già a partire dalle prossime settimane, non appena verranno consegnate le prime frequenze.