Facebook

Il social network Facebook è stato molto criticato nell’ultimo anno, soprattutto per gli scandali a cui è andato in contro. Primo tra tutti Cambridge Analytica, quando sono stati passati i dati di milioni di utenti alla società in questione.

Dopo questi scandali il valore della piattaforma è sceso ad un punto mai toccato fino ad ora. Mark Zuckerberg però non ha nessuna intenzione di mollare, infatti secondo le ultime indiscrezioni, starebbe lavorando su un nuovo dispositivo in grado di leggere il cervello.

 

Facebook e il dispositivo che legge il cervello

Non pensate subito male, il dispositivo in questione si chiama Wand e, una volta impiantato nel cervello, sarebbe in grado di aiutare tutti gli utenti che soffrono di Parkinson o hanno subito lesioni al midollo spinale. Per dare vita a questo progetto Zuckerberg ha venduto ben 29 milioni di azioni di Facebook. Il progetto globale è chiamato Chan-Zuckerberg Iniziative, dal nome del patron della piattaforma e di sua moglie, una pediatra.

Leggi anche:  Facebook sta pensando di sostituire il fastidioso pallino rosso

Il CEO della piattaforma ha a disposizione i 5 miliardi di dollari ricavati dalla vendita delle azioni per cercare di porre fine ad ogni malattia in una sola generazione. Il progetto è sicuramente ambizioso e degno di nota, in uno studio pubblicato su Nature, i ricercatori del progetto descrivono un dispositivo senza fili, in grado di registrare, stimolare e modificare le attività cerebrali in tempo reale.

Il dispositivo esiste già e si chiama Wand, anche se prima di farsi prendere dall’entusiasmo ci sarebbero delle precisazioni da fare. La differenza di Wand e gli studi che esistono da tanto tempo starebbe nell’essere maggiormente efficacie nel capire e stimolare i movimenti, rispetto ai precedessori. Per il momento sono le uniche informazioni che abbiamo, ma vi terremo come sempre aggiornati sulla questione.