Android Pie sicurezza

Il 2019 potrebbe essere finalmente l’anno decisivo perché tutti gli smartphone ricevano l’agognato aggiornamento con Android 9.0 Pie. Intanto, la lista dei modelli idonei all’update si allunga ancora per la gioia di un numero sempre crescente di utenti sul territorio italiano.

Sono già in molti ad aver goduto della presenza di Android Pie sui loro device, ultimi in ordine di tempo sono i possessori di Huawei Mate 10 e 10 Pro, Honor 10 e Samsung Galaxy. Per chi ancora non lo ha avuto non disperi, poiché se possedete un modello comprato negli ultimi 2 anni molto probabilmente riceverà lo stesso il bellissimo Android 9 Pie.

 

Android 9 Pie: la lista dei modelli che avranno il nuovo OS

  • Samsung: tutta la serie Galaxy S8, S8+, S9 e S9+, Galaxy Note 8 e Note 9, Galaxy A6 e A6+, Galaxy A9 2018, Galaxy A7, Galaxy A8 e A8+, nonché Galaxy J4, J6 e le relative versioni Plus. Gli aggiornamenti partono da marzo 2019.
  • OnePlus: tutti i dispositivi da Oneplus 3, incluse le versioni T.
  • LG: G6 e G7 Thin Q saranno i primi, per poi passare a V30, K10 2018 e K8 2018.
  • Honor: Honor 10 lo sta ricevendo proprio in questi giorni, a breve anche su View 10 (e Lite) e Honor Play.
  • Huawei: dopo gli update di Mate 10 e Mate 10 Pro, è su P10 e P20 (in tutte le versioni possibili), Mate 9 e Mate 20 (anche nelle versioni Lite/Pro).
  • Asus: ZenFone 5, 5 Lite e 5Z con ROG Phone annesso.
  • Motorola: non mancano i modelli da Z2 in poi, con Motor X4, Moto G6 e E5 (tutte le versioni).
  • Sony: possono stare tranquilli XZ, XZ1, XZ2 e XZ3 che sono in aggiornamento, quasi pronto anche su XA2, XA2 Ultra e XA2 Plus.
  • Xiaomi: l’azienda più attiva fra tutte, la serie Mi Mix riceverà Android 9 Pie dal Mi Mix 2 in poi, Mi A1, Mi A2 (anche lite), Mi 8 (tutte le versioni), Mi6, Redmi 5, Redmi Note 5, Redmi 6, Redmi Note 6 Pro e Redmi 5 Plus.
  • Nokia: tutti i modelli dal Nokia 3 al Nokia 8 avranno Pie entro ottobre 2019.
Leggi anche:  Android Q: le novità del nuovo sistema che batte Android 9.0 Pie

Per ora sono questi i modelli confermati, mentre l’aggiornamento è calendarizzato solo con delle stime e non ci sono date ufficiali per i singoli smartphone.