vodafone tobi

Secondo nuove voci e segnalazioni, l’operatore rosso d’Italia si è armato di un nuovo reparto tecnico capace di assistere gli utenti attraverso WhatsApp, ma attenzione: è solo una truffa. Vodafone ha oramai lanciato Tobi, l’assistente virtuale che aiuta gli utenti, ma questo non ha niente a che fare con gli sms da falsi contatti su applicazioni di messaggistica istantanea. A denunciare il tutto concorre anche la Polizia Postale, la quale mette in allerta i clienti.

WhatsApp diventa un mezzo per truffa i clienti: dopo i finti call center, anche i messaggi istantanei

Attraverso ciò che è stato denunciato alla Polizia Postale, gli utenti sono stati contattati da questo fantomatico reparto tecnico di Vodafone, il quale con una scusa o un altra ha cercato di accaparrare documenti e foto personali. Ovviamente risulta sconcertante come fatto, ma noi ribadiamo il concetto secondo cui gli operatori, men che meno Vodafone, richiedano dati attraverso queste pratiche.

Posted by Commissariato di PS Online – Italia on Thursday, December 27, 2018

 

Un’altra possibilità è quella di venire contatti per via di false rimodulazioni e per spingere l’utente a passare a nuovo operatore. In questo caso ripetiamo le testuali parole della Polizia, che sono più che adatte: “Nel dubbio è opportuno sincerarsi attraverso il call center dedicato all’assistenza.”.
Oramai ogni mezzo sembra essere valido per provare a truffare i clienti, Vodafone Italia a tutela della propria clientela ha già sporto regolare denuncia all’Autorità giudiziaria e sta cercando di porre fine a questo odioso problema.

In ogni caso, se siete clienti di questo operatore e ricevete tali messaggi vi consigliamo di bloccare subito il contatto a scanso di equivoci.