truffe BNL Unicredit Sanpaolo su WhatsApp

I principali istituti di credito BNL, Unicredit e Intesa Sanpaolo sono bersagliati anche attraverso la popolare chat WhatsApp. Come sempre, l’applicazione di messaggistica istantanea è ignara di quanto avviene, poiché non può tenere conto dei milioni di account che sono registrati.

I cybercriminali a caccia di vittime hanno purtroppo capito che anche WhatsApp può considerarsi il mezzo ideale per diffondere truffe a regola d’arte e depredare i risparmi dei correntisti.

Truffe Unicredit, BNL e Sanpaolo: con WhatsApp siamo accerchiati

Vi consigliamo di fare attenzione ai messaggi che ricevete su WhatsApp, poiché il tipico strumenti di aggancio usato dai criminali è proprio un testo confezionato in modo tale da destare una reazione incontrollabile. Il testo è molto simile al seguente: “Attenzione!, la carta di credito è stata sospesa, potete premere questo link per tornare ad utilizzarla reimpostando le credenziali di accesso. Grazie, [nome della società]”.

Se ovviamente cliccate sul link proposto e vi fate abbindolare dalla presunta pagina della vostra banca, allora siete nei guai. Invece un metodo per accorgersi che il link è falso è la lettura attenta della URL che l’accompagna. Basta leggere l’indirizzo per capire che è una pagina fasulla perfettamente identica ai siti originali di Unicredit, BNL e Sanpaolo. Le form che vi chiederanno di riempire serviranno dunque a rubare i vostri dati sensibili nel momento in cui l’inserite.

Leggi anche:  Truffe: Polizia Postale pubblica il rapporto 2018, la situazione è drammatica

Una volta appurato che il messaggio è falso, è altresì utile sapere che nessun istituto di credito vi chiederà mai la modifica delle credenziali in questo modo. Nell’eventualità in cui lo riceviate, cancellatelo immediatamente e ricordate che le banche stesse sono vittime di tale pratica ed è vostro dovere informarvi con loro di una simile truffa.