smartphone-2018-resistenza

La scelta di uno smartphone viene fatta secondo diversi criteri i quali possono variare da una persona all’altra. Un consiglio in materia può sempre fornirlo JerryRigEverything il quale esegue dei test che nessuno di noi sognerà mai di fare ovvero distruggere il dispositivo, o cercare di distruggerlo. Ogni volta che esce un nuovo dispositivo, quest’uomo sarà pronto a metterlo alla prova.

Il 2018 è finito e lo youtuber ha deciso di pubblicare un video in cui stila la propria classifica personale sulla durabilità degli smartphone da lui testati quest’anno e anche la classifica sulla riparabilità. Ovviamente nel primo caso il primo posto l’ha ottenuto un dispositivo costruito apposta per resistere, mentre a livello di riparabilità ci sono alcune chicche.

 

Smartphone resistenti e riparabili

Prima di partire Jerry sottolinea come quest’anno gli smartphone in generale sono risultati più resistenti rispetto agli anni passati tanto che solo uno non ha passato il suo test. Al contrario, al livello di riparabilità questa resistenza rende i dispositivi più difficili da riparare e quindi più costosi.

Leggi anche:  iPhone 2019, a settembre con il supporto al WiFi 6 con velocità impressionanti

A livello di durabilità il vincitore, come detto, è un dispositivo sconosciuto ai più e si tratta del Kyocera DuraForce Pro 2. Tra i punti di forza ha uno schermo protetto da un pannello in zaffiro; di solito questo materiale viene usato per il vetro che copre gli obiettivi delle fotocamere. Al contrario nei meno resistenti troviamo nomi più noti in primi il Find X di Oppo mentre come secondo il Mate 20 Pro di Huawei.

A livello di riparabilità vincono due smartphone di Nokia ovvero il 7 Plus e il 6.1. Come peggiore dispositivo invece vince l’iPhone XS Max di Apple e il motivo è praticamente il pannello posteriore di vetro. In caso di rottura il costo di una riparazione ufficiale è di 599 dollari mentre quello dell’iPhone XR è di 399 dollari.