Fortnite

Durante il 2018, Fortnite è diventato il gioco più popolare di sempre, giocato da diversi milioni di utenti su varie piattaforme. Il popolare Battle Royale non si è fermato qui, diventando anche uno dei titoli più redditizi nella storia dei videogiochi.

Epic Games ha da tempo capito il grande potenziale di Fortnite, quindi ha reindirizzato tutte le sue risorse per migliorare costantemente la sua “gallina d’oro”. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, con milioni di utenti attivi ogni giorno, estremamente fedeli al loro gioco preferito. Inoltre, i risultati sono ancora più in vista con il profitto generato da Fortnite in soli 12 mesi.

 

Fortnite è la vera ‘gallina dalle uova d’oro’ di Epic Games

Il dato più sorprendente è il fatto che il gioco Battle Royale è disponibile su varie piattaforme, gratuitamente. La strategia sviluppata da Epic Games ha fatto miracoli. Offrendo un vero e proprio gioco free-to-play che sarebbe diventato redditizio con l’acquisto in-game puramente estetico.

Leggi anche:  Fortnite: Streamer crea una statua in onore di Ninja

A differenza di molti altri giochi, gli acquisti effettuati nel gioco finiscono quasi sempre garantendo un vantaggio rispetto agli altri giocatori. Ad esempio, le popolari bottigliette finiscono sempre in un modo o nell’altro, fornendo elementi che aiutano i giocatori a migliorare il loro gioco.

Tuttavia, questo non accade con Fortnite. Tutti gli acquisti che possono essere fatti nel gioco sono solo estetici, costituiti da armi e personaggi. Tuttavia, secondo le informazioni pubblicate da TechCrunch, Epic Games raggiungerà un profitto (non entrate) di oltre 2,5 miliardi di euro allo scadere del 2018, solo con Fortnite. Sono valori totalmente surreali che sembrano crescere proprio questo anno.