Instagram sta rendendo più difficile la ricerca di disordini alimentari tramite hashtag affini. L’intento è evitare che la piattaforma contribuisca ulteriormente a fomentare tali disordini. Nel 2012, Instagram ha iniziato a rendere determinati termini “non ricercabili” sul sito, compresi quelli che sembrano promuovere i disordini alimentari.

Alcuni hashtag nella lista dei termini non ricercabili non danno risultati quando vengono cercati. Altri offrono agli utenti la possibilità di “saperne di più” quando cliccano su di essi e offrono loro la possibilità di cercare aiuto se necessario. Ciononostante, BBC Trending ha recentemente scoperto che un certo numero di termini, inclusi gli hashtag che promuovono la bulimia, non sono stati aggiunti all’elenco non ricercabile. Inoltre, quando bulimia è stata digitata nella barra di ricerca di Instagram, sono state trovate ortografie alternative del disturbo alimentare create dagli utenti.

Nell’ottobre 2017, una ricerca condotta dall’Università di Exeter ha riportato che una quantità allarmante di account sui social media stava promuovendo i disordini alimentari. Inoltre, un precedente studio condotto da ricercatori dell’Università di Adelaide ha scoperto che le donne che utilizzavano l’hashtag “fitpiration” su Instagram avevano maggiori probabilità di essere a rischio di sviluppare un disturbo alimentare. A seguito dell’indagine della BBC, Instagram ha aggiornato la sua politica esistente. Ha aggiunto altri termini all’elenco non ricercabile, comprese le varie forme alternative per i disturbi alimentari che apparivano sulla piattaforma.

La ricerca di alcuni hashtag su Instagram contribuisce a peggiorare i disturbi alimentari, quindi la piattaforma li ha rimossi

ll sito di condivisione di foto ha dichiarato che farà tutto il possibile per continuare a sostenere le persone a rischio o affette da problemi di salute di questo tipo. “Tanti giovani arrivano su Instagram per connettersi, sostenere e scoprire. Quindi è nostra priorità assicurarci che si sentano sicuri e non vedano cose che non dovrebbero”, ha detto un portavoce in un comunicato inviato a The Independent. “Non tolleriamo contenuti che incoraggino i disturbi alimentari. Utilizziamo strumenti e tecnologie potenti, tra cui reporting in-app e machine learning, per aiutarli a identificarli e rimuoverli. Tuttavia, riconosciamo che questo è un problema complesso. Vogliamo che le persone alle prese con la loro salute mentale siano in grado di accedere al supporto su Instagram, quando e dove ne hanno bisogno”.

“Gli esperti con cui lavoriamo ci dicono che la comunicazione è la chiave per creare consapevolezza. Inoltre è importante riunirsi per il supporto e facilitare il recupero”. Nel febbraio 2018, uno studio commissionato da Beat ha rilevato che oltre un terzo degli adulti del Regno Unito non sanno identificare i sintomi di un disturbo alimentare.Questi risultati sono preoccupanti. Sappiamo che la mancanza di consapevolezza può impedire ai malati di ottenere il trattamento di cui hanno disperatamente bisogno. E il più presto possibile”.