Il 2018 è stato un anno ampiamente positivo per l’industria tecnologica in termini di nuovi prodotti e servizi di livello consumer, nonché miglioramenti apportati a molte soluzioni esistenti, ma non è stato privo di errori. Di seguito quelli principali. Precisiamo che non ci sono articoli relativi a Google perché la sussidiaria di Alphabet ha preso così tante decisioni sconcertanti quest’anno che è stata necessaria una lista apposita sui flop Google.

Facebook – gli altoparlanti intelligenti inquietanti

Dire che Facebook che ha avuto un brutto anno sarebbe un eufemismo. La sua gestione ha ammesso di sopravvalutare il suo potenziale di crescita delle entrate, è stata al centro di numerose violazioni della privacy di alto profilo, tra cui il controverso scandalo Cambridge Analytica, ha faticato a far fronte al continuo afflusso di false notizie e campagne di disinformazione generale sulla sua piattaforma. Inoltre, è stato costantemente criticato per aver trascurato la privacy degli utenti nella ricerca di margini di profitto migliori. Quindi, cosa ha fatto Facebook in risposta a questi problemi? Ha lanciato una serie di display intelligenti con una videocamera che ti segue per la stanza.

Dire che la natura stessa degli altoparlanti intelligenti e di altri dispositivi connessi simili non è intrinsecamente inquietante sarebbe disonesto. Dopotutto, stai dando via molte informazioni a una società senza volto il cui interesse principale è fare soldi in cambio di altro, quindi Facebook in qualche modo è riuscito a rendere questo concetto ancora più inquietante. Per peggiorare le cose, Facebook vuole che tu paghi fino a 350 dollari per usufruire di tale dispositivo.

ZTE: scontrarsi con il governo degli USA non è una buona idea

Il produttore cinese di telefoni ZTE ha trascorso mesi sotto un ordine di diniego paralizzante dal Dipartimento del Commercio dopo aver violato un accordo del 2017 che a sua volta era una conclusione di precedenti violazioni delle sanzioni commerciali imposte a Iran e Corea del Nord. Finché Donald Trump ha redatto un nuovo accordo che ha permesso a ZTE di acquistare nuovamente le tecnologie americane. Ciò ad un costo: fino a un miliardo di dollari di multe e una grande varietà di concessioni, compresa una revisione completa del suo consiglio di amministrazione e gestione. ZTE è riuscita a rimanere a galla, ma si stima che lo scontro con il Dipartimento del Commercio sia costato oltre 3,5 miliardi di dollari in perdite a breve termine, e non si può dire quanto sarà massiccio l’impatto sulla sua attività futura.

LG Watch W7 – non è lo smartwatch ibrido che stavamo cercando

Il segmento smartwatch è rimasto stagnante negli ultimi anni. Il 2018 ha visto finalmente Qualcomm lanciare un nuovo chipset indossabile. Tuttavia, la stragrande maggioranza delle ultime versioni non è riuscita a catturare l’attenzione dei consumatori. È proprio per questo che Watch W7 ha mostrato molte promesse in quanto offriva qualcosa di diverso; ossia un sistema ibrido. Quest’ultimo non ha soddisfatto le aspettative e ha riscosso un’abbondanza di recensioni negative da parte di critici e consumatori. Non si può negare che abbia fallito dal punto di vista commerciale.

Palm – una soluzione a un problema che nessuno aveva

La resurrezione del marchio Palm ha offerto una soluzione a un problema che nessuno ha realmente; è tecnicamente un telefono ma non proprio dal momento che hai bisogno di un altro telefono perché funzioni come previsto. È anche un prodotto di fascia bassa in termini di specifiche, ma ha un prezzo di 350 dollari che è sufficiente per un’offerta di fascia media molto più efficace in questi giorni. In definitiva, Palm ti offre un’estensione del tuo telefono, che è essenzialmente ciò che gli smartwatch contemporanei fanno, ma si presenta in un fattore di forma molto meno conveniente, quindi con un’usabilità estremamente limitata. Alla fine della giornata, è un gadget unico che tutti riconoscono, ma nessuno ne ha bisogno, quindi è uno dei prodotti più fuorviati di quest’anno.

RED Hydrogen One – gli ologrammi dovranno aspettare

Mentre alcune voci in questa lista non mostravano molte promesse sin dall’inizio, l’idea di uno smartphone olografico modulare suonava sicuramente bene sulla carta e lo è ancora. Sfortunatamente, Hydrogen One non è la soluzione che i consumatori e i critici speravano. I moduli rimangono inesistenti, il display olografico del dispositivo è sfocato, mentre la maggior parte delle altre specifiche non sono nemmeno degne del titolo di un fiore all’occhiello del 2018, per non parlare del costo di oltre 1.000 dollari. Accoppiato con un design bizzarro. Questo unico tentativo a rivoluzionare l’industria degli smartphone è caduto in superficie e probabilmente sarebbe stato ricordato meglio se si fosse trattato di altro.