Gli utenti di Apple Music hanno finalmente ottenuto una delle caratteristiche più famose di Spotify – almeno in parte. Ora possono ricevere una carrellata di chi e cosa hanno ascoltato in streaming nel 2018, incluse le tracce più ascoltate e quanto tempo hanno trascorso ascoltandole.

Gli utenti Spotify sono stati a lungo in grado di ottenere un grande riepilogo della loro attività durante l’anno. Mentre Apple Music non ha mai offerto uno strumento del genere. Tuttavia la funzionalità è accompagnata da tutta una serie di cose. Infatti, ha bisogno di un’applicazione di terze parti per funzionare e non offre nulla come i dati approfonditi disponibili per gli utenti di Spotify. Spotify Wrapped, che diventa disponibile all’inizio di dicembre di ogni anno, include un’intera serie di informazioni. Riassume i brani e i generi preferiti della gente, oltre a fornire loro informazioni su quanto tempo hanno trascorso ad ascoltare e in che modo.

Una nuova app di terze parti per Apple Music permette di ottenere una delle funzioni più amate su Spotify

Il nuovo strumento per Apple Music, chiamato Year In Review, è molto più semplice: offre solo le tracce più ascoltate dagli utenti e per quanto tempo le hanno ascoltate. Inoltre, ci sono problemi di privacy su quell’app e alcuni utenti affermano che non funziona affatto. Può essere provato andando all’App Store e scaricando l’app conosciuta come Apple Music Year in Review. Da lì, l’app dovrebbe portarti attraverso tutte le parti importanti: chiedere un indirizzo email e accedere alla tua musica, prima di generare tre diapositive che possono essere facilmente condivise sui social network.

Non è chiaro cosa succede ai dati raccolti dall’app: non esiste alcuna politica sulla privacy sul suo sito web. Non c’è nessuna chiara spiegazione del perché, ad esempio, sta raccogliendo gli indirizzi email delle persone. Ma i dati raccolti sono anche relativamente limitati. Gli utenti non devono necessariamente inserire un indirizzo email attivo. Il telefono consente all’app di accedere solo alla cronologia Apple Music degli utenti e non a nessuna parte più privata dei dati sui telefoni degli utenti. Dato che è disponibile per i clienti europei, l’app è presumibilmente regolata dai regolamenti sui dati GDPR. Essi la obbligano a utilizzare le informazioni in modo responsabile e sicuro.