Sony è ottimista sulle vendite dei suoi sensori per Sony Ericsson, come ha affermato in una recente intervista Satoshi Yoshihara. I sensori ToF dipendono da un metodo basato su LiDAR che si trova spesso nelle auto a guida automatica e in tecnologie simili che generano modelli di profondità 3D. Essi sono il futuro della fotografia.

Gli impulsi laser vengono inviati e i calcoli centrati attorno alla velocità nota della luce vengono utilizzati per determinare precisamente quanto sia distante un determinato oggetto e quanto siano distanti le varie parti dell’oggetto. I suoi usi mobile più comuni includono la misurazione delle curve dei volti per il riconoscimento facciale che funziona al buio e indipendentemente dal fatto che l’utente stia indossando un cappello, occhiali da sole o altri accessori. È anche comunemente usato per rilevare la profondità per una migliore fotografia notturna o per la fotografia in condizioni di scarsa illuminazione. Yoshihara afferma che Sony si aspetta che la tecnologia continui a essere implementata a un ritmo crescente.

La domanda crescente nonostante la crisi del mercato

Attualmente, Sony fornisce sensori per circa la metà degli smartphone del mondo compresi quelli dei marchi più prestigiosi come la consociata HONOR di Samsung, Huawei, e altri. HONOR è tra i più recenti OEM ad aver già incluso i sensori 3D ToF di Sony nei suoi dispositivi, con HONOR View 20. Sebbene le informazioni sulla sua implementazione accanto all’obiettivo da 48 megapixel in quel telefono siano relativamente impercettibili. Si prevede che Samsung Galaxy S10 5G, ancora non annunciato, con nome in codice Beyond X, avrà tali moduli.

Per l’intero anno, il calo è stato di circa il 3% e il 2019 non dovrebbe essere migliore con una crescita di circa il 2,6%. Le entrate proprie di Sony hanno continuato a crescere nonostante la recessione del 2018, trainata principalmente dalle vendite di hardware relativi ai sensori delle fotocamere. Questo tasso di crescita si attesta intorno al 12,4% secondo IDC, segnando un ritorno alla crescita positiva dal 2017. Sony spera di generare voglia di combattere la crisi più ampiamente, al di fuori delle sue stesse cifre, attraverso funzionalità software che sono attualmente possibili con l’accuratezza dei sensori per fotocamera 3D ToF. Mr. Yoshihara indica che la natura rivoluzionaria di quelle caratteristiche potrebbe essere l’area di maggiore interesse per i produttori.

Modelli 3D e esperienze basate su gesti

Per mettere in risalto la gamma di funzioni possibili con i sensori di fotocamere 3D di ToF e i modelli 3D generati successivamente, Sony ha anche colto l’occasione per mostrare alcune delle sue idee durante l’intervista. Esse spaziavano da controlli gestuali a giochi e altro ancora. Una dimostrazione mostrava come due utenti potevano utilizzare i sensori della fotocamera principale per giocare a un gioco che prevedeva il lancio di incantesimi l’uno con l’altro, con effetti e animazioni mostrati in modo più accurato rispetto al mondo reale. Ha anche messo in evidenza la precisione usando un pesce rosso virtuale che è stato possibile posizionare all’interno della stanza.

La società ha anche iniziato a fornire kit di strumenti per gli sviluppatori in modo che i chip possano essere utilizzati in modo più efficace. Sony fornisce ulteriori esempi come aiutare gli acquirenti ad adattare i prodotti alle loro case usando versioni virtuali e AR o la creazione di avatar e modelli di volti da utilizzare nelle app di comunicazione. I controlli di gestualità che non richiedono input tattile o più applicazioni interattive e creative possono anche essere creati utilizzando i sensori. Alcune di queste funzionalità sono già state sfruttate nel summenzionato dispositivo HONOR.