Huawei Technologies ha venduto oltre 200 milioni di smartphone nel 2018. La società ha raggiunto un sorprendente aumento del 30% rispetto ai suoi 153 milioni di vendite nel 2017. Secondo Nikkei Asian Review, la serie P20 ha aiutato molto e i risultati dovrebbero portare la società cinese al secondo posto globale, superando Apple.

Anche se la società è riuscita ad aumentare le vendite in Cina, Europa e Africa, si trova ad affrontare divieti in mercati chiave come Australia e Stati Uniti. Molti paesi, inoltre, stanno abbandonando l’utilizzo delle apparecchiature di comunicazione Huawei. Questa tendenza è destinata a danneggiare le vendite dei device nel 2019.

Huawei potrebbe diventare il primo produttore di smartphone

Nikkei Asian Review afferma che Huawei ha controllato il 10,4% del mercato globale nel 2017. Samsung è ancora il leader, ma la società cinese è riuscita a conquistare il secondo posto in Q2 e Q3 davanti a Apple. La società è riuscita a battere il gigante di Cupertino per tutto l’anno. Purtroppo, il mercato degli smartphone dovrebbe subire una rallentata per il secondo anno consecutivo.

Leggi anche:  Samsung regala 500 euro a tutti i clienti, ecco quale procedura seguire

Recentemente, l’azienda ha spedito più smartphone che mai. Huawei è ora sulla buona strada per diventare il secondo produttore mondiale di smartphone con oltre 200 milioni di unità vendute già nel 2018. Ciò nonostante una repressione del governo USA e un controllo crescente da parte di altri governi nazionali.

La società ha dichiarato che le sue spedizioni da record sono state in gran parte alimentate dalla domanda degli smartphone Huawei P20, Honor 10 e Mate 20. È importante sottolineare che Huawei ha conquistato il secondo posto dietro Samsung per la prima volta nel secondo trimestre e ha mantenuto il suo posto davanti a Apple anche nel terzo trimestre.

Il responsabile del settore consumer di Huawei ha detto che è possibile che la società diventi il ​​principale produttore di smartphone al mondo entro la fine del prossimo anno, indicando una forte crescita in Europa e in Cina.