unicredit bnl sanpaolo truffe

Le truffe continuano a persistere, anche con vari colpi effettuati dalla polizia postale; sempre maggiore è il numero degli hacker, che non smettono mai di truffare i consumatori grazie a delle attrezzature adeguate. Dal Black Friday e dal Cyber Monday, sono continue le truffe che stanno colpendo i clienti di Unicredit, San Paolo, BNL e altri Istituto di Credito; a quanto pare, gli hacker, hanno sviluppato un nuovo trojan, per effettuare nuove tipologie di truffa.

LA TRUFFA PIÙ COMUNE

Le segnalazioni che sono arrivate, da parte dei clienti di Unicredit, San Paolo e BNL, hanno per lo più lo stesso metodo di truffa; l’hacker, con delle attrezzature apposite, riesce a rilevare l’email dei consumatori, che contengono delle fatture da pagare; nel momento in cui, il consumatore, effettua il pagamento per un reale servizio ricevuto, non consapevole, trasferisce il totale del pagamento, su un falso iban precedentemente modificato dall’hacker, da quello reale.

Altri consumatori, invece, sono stati vittime delle famose email di phishing, sono delle false email inviate da hacker, facendo credere al consumatore, che il mittente sia il proprio Istituto di Credito, ma in realtà non è assolutamente così; le false email che arrivano al consumatore, contengono spesso delle informazioni o promozioni, relative alla banca, chiedendo al consumatore di accedere all’Home Banking, direttamente da un link presente nella email. Accedendo all’Home Banking, dal link che è stato inviato, consente all’hacker di rubare le credenziali di accesso, grazie ad un trojan sviluppato dal truffatore.

Come difendersi

Innanzitutto, è bene essere informati sul fatto che, qualsiasi Istituto di Credito, non invia dell’ email che, contengono link per accedere direttamente all’Home Banking; si consiglia al consumatore, di eliminare direttamente un email sospetta, così da evitare che il proprio conto corrente, venga svuotato. Inoltre, in Internet, si può scaricare qualsiasi anti trust, in modo che nessuna email di truffa, sarà recapitata sulla propria posta elettronica.